I grandi colpi sono già stati fatti e sono ufficiali, ma nel sottobosco del Mondiale motocross ci sono ancora tanti piloti da piazzare o da promuovere in MXGP per la nota (e piuttosto odiata dai piloti) regola dei 23 anni: in pratica, una volta che viene compiuto il 23° compleanno, il pilota MX2 è obbligato a salire di categoria, togliendo di fatto un posto (se il pilota è meritevole) a un collega più ”anziano”. Il Mondiale motocross non è più per vecchi dunque, e lo dimostrano i ritiri di Ken De Dycker o Steven Frossard (quest’ultimo martoriato dagli infortuni) in tempi recenti, ma anche il breve elenco di piloti senza una moto: tra loro figurano Kevin Strijbos (che può approdare a KTM Standing Construct), Evgeny Bobryshev e Max Nagl, per citare alcuni veterani, ma anche giovani come Seewer e Paturel, che dovrebbero trovare squadra a breve. Ecco il punto sulle ultime trattative di MX2 e MXGP.

MXGP– Non ci sono novità scoppiettanti nella categoria, che però sta pian piano riempiendo le caselle libere: dopo le ufficialità di Tixier nel team BOS e Guillod con KTM Standing Construct (che valuta se avere due piloti, in quel caso ecco Strijbos), si è andata a riempire anche la seconda postazione in Kawasaki ufficiale, con Julien Lieber che sale dalla MX2 e andrà ad affiancare Clement Desalle. Per il resto, Seewer e Jasikonis, lasciati liberi da Suzuki dopo la chiusura totale del team, sono vicini rispettivamente a Yamaha Wilvo (con supporto ufficiale) e Honda Assomotor, mentre è mistero sul secondo pilota di Honda HRC: Bobryshev è stato appiedato, e il più vicino a guidare la moto rossa insieme a Gajser sembra essere Brian Bogers, in arrivo dalla categoria inferiore. Novità anche per KTM, col ritorno del team Hitachi UK, che schiererà Conrad Mewse e il campione MXGP britannico Graeme Irwin, mentre c’è chi non ha ancora una moto: il futuro di Benoit Paturel, costretto a salire di categoria, è a dir poco incerto, dato che Seewer dovrebbe rubargli il posto in Yamaha, mentre Max Nagl potrebbe guidare una TM e sposare il progetto italiano. Il tedesco meritava di meglio, ma fa sempre piacere l’eventuale ritorno di una casa italiana.

MX2– Anche in MX2 si vanno sistemando gli ultimi dettagli, coi team clienti che vanno a sistemare le rispettive formazioni: Yamaha Kemea aggiunge Ben Watson ai già presenti Jago Geerts (arriva dall’EMX) e Vsevolod Brylyakov, mentre Davy Pootjes va a sostituire Lieber nel team KTM LRT. Chiusura per Kawasaki, che avrà solo team clienti senza il minimo supporto Factory della verdona e vedrà Adam Sterry affiancare Jed Beaton nel team F&H, e per un talento azzurro: Gianluca Facchetti esordirà nell’EMX250 con KTM Silver Action, e chissà che non ci scappi qualche wild card mondiale.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *