Nei giorni scorsi si è discusso molto del possibile approdo di Robert Kubica in Ferrari. Le voci sono iniziate durante il GP del Messico, perchè Robert era stato a colloquio con alcuni emissari della Rossa: Ferrari cerca un nuovo pilota da assegnare al simulatore (se n’è andato Kvyat, tornato in Toro Rosso), e un pilota esperto che possa affiancare Antonio Giovinazzi nel ruolo di collaudatore, e il polacco sarebbe perfetto in tal senso.

Kubica, che l’anno scorso aveva cercato senza esito un ritorno in F1 da pilota titolare e ha dovuto ripiegare sul ruolo di terzo pilota Williams, sta cercando nuovamente di rientrare in F1 e da seconda guida della scuderia di Grove: Williams ha ingaggiato Russell (quota-Mercedes) al posto di Stroll, e sta riflettendo sul secondo pilota da affiancare all’ormai prossimo campione Formula 2. Ocon è un’opzione, mentre dal Messico arriverebbero cospicui fondi per assegnare quella monoposto a Gutierrez e dalla Russia spingono per la conferma dello scialbo Sirotkin, che invece Williams vorrebbe ”giubilare” dopo un anno disastroso: Kubica ha fatto un gran lavoro da terzo pilota e sogna di inserirsi nella lotta a quello che è l’unico sedile vacante, ma sembra tagliato fuori da questa corsa.

E allora il polacco, 34 anni da compiere il 7 dicembre prossimo, sta iniziando a considerare l’opzione Ferrari. È stato lui stesso a confermarlo in un’interessante intervista ad ”Auto Motor und Sport”, dove parla per la prima volta dei contatti con quella Ferrari che gli aveva fatto firmare un pre-contratto per la stagione 2012 (avrebbe sostituito Massa), purtroppo annullato dopo il tremendo incidente al Rally Ronde di Andora: ”Posso confermare che ci sono delle serie discussioni in corso con Ferrari. Se ci fosse anche la minima possibilità di vestire il rosso della casa di Maranello, non sarebbe un ripiego e non sarebbe per un semplice test: per me sarebbe un sogno che si avvera. Ci ero andato vicino in passato, ma l’incidente mi ha tolto quella possibilità: non dico che ho già qualcosa di firmato con Ferrari (tratta per diventare il terzo pilota addetto al simulatore, ndr), ma sto pensando seriamente alla loro proposta”.

Kubica continua ovviamente a privilegiare il ruolo da pilota titolare, e ha parlato anche dei suoi rapporti con Williams e della situazione: ”Sarebbe fantastico poter rientrare da pilota ufficiale nel 2019, ma lo vorrei fare nel posto giusto. Non voglio forzare la mano oppure ottenere un contratto solo per il mio cognome, ma la mia promozione dev’essere la ricompensa per il lavoro svolto e per il lungo viaggio che ho fatto in questi sette anni. E inoltre, dovrei lavorare con delle persone valide, altrimenti tutto sarebbe privo di senso (stoccata a Williams, ndr). Williams? Cercano un sostituto di Stroll, vedremo che succederà: potrei dare una mano, ma solo se avremo gli stessi obiettivi”.

La sensazione è che Kubica non sia nei piani di una Williams interessata più ai soldi, che alle belle storie, e quindi la storia tra Kubica e la Ferrari potrebbe davvero diventare realtà: sarebbe bellissimo vedere il polacco in rosso, e attendiamo sviluppi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *