Dalla Turchia con furore, per dominare e diventare una leggenda del motorsport: Kenan Sofuoğlu compie quest’oggi 33 anni, e lo fa proprio mentre si sta preparando per tentare l’assalto al 6° titolo mondiale Supersport e concludere una rimonta fantastica, che lo vede a un solo punto da Mahias con 4 GP da disputare e due gare saltate per infortunio. Il turco è un grandissimo pilota, che ha sfiorato la vittoria del titolo anche agli esordi nel Mondiale Superstock: Kenan gareggia con una Yamaha, arrivando 3° nel 2004 e 2° nel 2005, ma è con Honda e il Supersport World Championship che diventa leggenda.

Il primo titolo arriva nel 2007, e dopo questo successo arriva il tentativo in World SBK, nella quale ottiene al massimo un 9° posto: Kenan torna nel suo campionato, ma dopo due anni e il titolo 2010 decide di passare al Motomondiale, sostituendo per due GP il compianto Shoya Tomizawa nel 2010 (con un 5° posto) e gareggiando da titolare nel 2011 con la Suter. In Moto2 il turco ottiene un 2° posto come miglior risultato e 59 punti, ma a fine stagione opta per il rientro in Supersport con Kawasaki, diventando leggenda: arrivano i titoli nel 2012, nel 2015 e nel 2016, e sono ben 42 i GP vinti in 122 gare, con 83 podi che lo rendono una certezza nel campionato, nel quale gareggia tuttora con Kawasaki Puccetti Racing.

E dunque tanti auguri a Kenan Sofuoglu, un pilota che nella sua vita non ha avuto soltanto gioie: nel 2002 perse il fratello Bahattin in un incidente automobilistico, nel 2008 l’altro fratello Sinan durante dei test motociclistici, e qualche anno dopo il figlio di appena 4 mesi per un’emorragia cerebrale. Tante sfortune, per un pilota che oggi compie 33 anni e insegue il 6° Mondiale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *