Basta un 2° posto per gioire: Antonio Cairoli conquista il 9° Mondiale nel motocross, eguagliando il palmares iridato di Valentino Rossi e portandosi a un solo titolo dal record assoluto di Stefan Everts: l’azzurro, con la sua KTM, parte forte sul tracciato di Assen, conquistando l’holeshot e guidando nei primi giri.
Alle sue spalle ci sono Tim Gajser e Jeffrey Herlings, e l’olandese supera prima lo sloveno (caduto negli ultimi giri) e poi lo stesso Cairoli, andando a vincere gara-1 nel GP casalingo: la festa, però, è tutta per Tony, che con questo piazzamento (partiva con 96 pti di vantaggio) conquista il 9° titolo iridato (l’ultimo arrivò nel 2014) ed entra ulteriormente nella leggenda. 3° posto in questa manche per Max Anstie, che supera in extremis Romain Febvre: alle 17.10 gara-2.
1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Max Nagl e Romain Febvre, mentre Antonio Cairoli chiude al 6° posto e non riesce a festeggiare il 9° titolo come vorrebbe. Tony era riuscito a risalire fino al 3° posto dopo una partenza complicata, ma è […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *