Torniamo con la nostra rubrica sui giovani talenti, ed ecco a voi Jorge Prado, il predestinato del Mondiale motocross, colui che a soli 16 anni ha distrutto la concorrenza domenica ad Assen, vincendo il GP olandese e conquistando il suo terzo GP in carriera.

Jorge, nato a Lugo nel 2001, ha le stimmate del campionissimo, ed è praticamente ”nato” sulla moto: a soli tre anni si dilettava col minicross, a 7 anni ecco le prime gare e i primi tentativi di motocross, a 9 anni il titolo di campione spagnolo della 65cc e a 10 anni il titolo europeo e mondiale nella stessa categoria. Prado è un enfant prodige, e quando Red Bull ti mette sotto contratto a 12 anni, la tua strada è tracciata: il baby fenomeno spagnolo conquista il suo primo titolo a 14 anni, vincendo l’EMX125 (Europeo), e un anno dopo eccolo in MX2 per l’esordio ufficiale.

Arriva il 2° posto ad Assen nella seconda gara tra i grandi, lottando con un certo Jeffrey Herlings, e arriva la conferma per gli ultimi due GP e la stagione seguente, rigorosamente da pilota ufficiale KTM: Jorge Prado è il più giovane ad essere stato messo contratto da KTM nella storia della casa austriaca (fino al 2020), e la sua precocità è giustificata da un talento, da una velocità e da una personalità fuori dal comune, per un ragazzo che a 14 anni ha già effettuato un passo da ”grande”, il trasferimento a Lommel per allenarsi (come fa Cairoli) ed essere sempre più forte.

E sin qui ci è riuscito: nella stagione 2017, nonostante qualche passo falso dettato dalla gioventù, Prado ha vinto 3 GP e quattro manches, salendo sul gradino più alto del podio in Trentino, a Lommel e ad Assen. Il futuro è dalla parte di Jorge Prado, che ha tutto per diventare il prossimo fenomeno del motocross mondiale: d’altronde, quando si è capaci di dominare a 16 anni, il meglio deve ancora venire…

 

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] fuori dal comune, da puro e autentico predestinato: qualche settimana fa vi avevamo segnalato Jorge Prado come talento della next-gen del motocross, e ora ci lanciamo in una riflessione. Il pilota KTM, […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *