Una gara da grande, una vittoria guadagnata con un sorpasso iniziale su Lewis Hamilton e una gestione da campione: è Max Verstappen il vincitore di Sepang, festeggiando nel migliore dei modi il traguardo dei 20 anni. L’olandese trionfa autorevolmente, precede Hamilton e Daniel Ricciardo, ma Sebastian Vettel ruba la scena a tutti con una rimonta strepitosa: Seb conquista subito posizioni su posizioni, perde qualcosa dietro ad Alonso (che lo ostacolerà anche in seguito da doppiato, why Fernando?), supera Valtteri Bottas col cambio gomme (che smacco!) ed è superlativo con le supersoft, sommando giri veloci su giri veloci e arrivando a ridosso di Daniel Ricciardo e in piena lotta per il podio. L’attacco c’è, ma non va a buon fine e poi Ferrari calma i bollenti spiriti del tedesco, invitandolo a rallentare per un surriscaldamento delle temperature della sua power unit: Sebastian Vettel chiude così 4°, e limita i danni nel migliore dei modi, con la consapevolezza che in condizioni normali e senza ”scherzi del motore” (che tradisce anche Raikkonen, non partito) avrebbe vinto agevolmente.

Il Mondiale ora vede Hamilton in testa con 281 punti, +34 su Vettel che vola a 247pti, e venderà cara la pelle: Bottas, 5° oggi, è a 222pti, e Mercedes ha di fatto ipotecato un altro titolo costruttori. Vettel, oltre a farsi notare per una rimonta strepitosa, ruba la scena anche per un episodio curioso, venendo centrato in pieno da Lance Stroll nel giro d’onore post-arrivo, e dovendo rientrare ai box facendo pit-stop e venendo aiutato da Pascal Wehrlein perchè gomma e sospensione vanno ko.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *