È il Mondiale dei piloti che saltano GP per correre in altre serie. Dopo Alonso, che aveva saltato il GP di Montecarlo per la prestigiosissima 500 miglia di Indianapolis (lottando per vincere prima del ko del motore), ecco Pierre Gasly, costretto suo malgrado a saltare il GP delle Americhe, che si correrà ad Austin nel weekend del 22 ottobre: tutta colpa di Honda, neomotorista di Toro Rosso nel 2018, ma anche costruttore con cui Gasly stava vincendo il titolo nella SuperFormula, prima di mollare il campionato per il salto in F1.

E proprio Honda ha messo in una situazione difficile la STR, obbligando il campione della GP2 2016 a saltare Austin per conquistarlo, quel titolo, e Toro Rosso a rimpiazzarlo: non c’è più Sainz, che proprio in quella gara esordirà con Renault (che ha licenziato Palmer), e tornerà Kvyat, ma l’altro sedile è libero e non sono mancate le voci di mercato e le proposte. Un sedile libero, anche per un solo GP, fa gola, e subito sono iniziati i rumours riguardo all’interesse per Robert Kubica, che però si è chiamato fuori.

È stato Nico Rosberg a spegnere subito le voci sul suo assistito: ”Sarebbe una follia mettere Robert su una macchina mai vista e mai provata. Ci stiamo concentrando sulla trattativa con Williams per correre nel 2018”. Kubica out dunque, e i candidati ”seri” sono tre: Sergey Sirotkin, Josef Newgarden e Sebastien Buemi: il campione della Indycar Series 2017 (Newgarden) vorrebbe coronare una grande annata con un ”gettone” in F1, ma la soluzione preferita della casa di Faenza sarebbe quella che porta a Buemi, pilota già conosciuto e avuto in squadra.

Averlo per un GP non dovrebbe essere un problema, mentre sembra complicato un ingaggio per l’intero 2018, visto che rivalità Honda-Toyota non dovrebbe consentire una facile ”liberazione” dal contratto in essere col team WEC: Buemi favorito per gareggiare ad Austin comunque, e l’annuncio del sostituto di Gasly arriverà a giorni.

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] aggiornamenti sul futuro di Robert, che qualche giorno fa aveva rifiutato di correre un GP con Toro Rosso (sostituendo Gasly) proprio per ”concentrarsi al 100% sull’opzione-Williams nel […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *