Habemus… regolamento. Così potrebbero affermare i vertici Dorna dopo aver redatto le regole per il prossimo Mondiale Superbike. Le tematiche oggetto di discussione sono molte perché si tratta di una vera e propria rivoluzione rispetto al passato. In primis, verrà utilizzato un limitatore dei giri del motore, attraverso l’impiego di un software appositamente controllato. E questa soglia verrà continuamente modificata dal promoter in base al proprio piacimento. Altrettanto discutibile sarà la scelta delle concessioni tecniche. A seconda del numero di punti e dei risultati ottenuti dai team principali, si provvederà a congelare o meno gli sviluppi tecnici. L’obiettivo è impedire che si crei una differenza troppo ampia tra i vari costruttori e tra squadre principali e satellite. Per di più, formazioni private verrà permesso di avere parti del motore a prezzo stabilito. L’effetto potrebbe essere quello di spingere costruttori come Kawasaki ad investire altrove, possibilmente nel Motomondiale, dati gli svantaggi derivanti dal regolamento.

Questo è il comunicato ufficiale:

<<La Commissione Superbike composta da Rezsö Bulcsu (direttore del CIM FIM), Takanao Tsubouchi (Rappresentante MSMA), Gregorio Lavilla (WorldSBK Sporting Director), alla presenza di Paul Duparc (coordinatore FIM CCR), Charles Hennekam (Commissione Tecnica Internazionale Coordinatore), Daniel Carrera (Direttore esecutivo WorldSBK) e Scott Smart (Direttore Tecnico FIM)

hanno annunciato i cambiamenti per il 2018 MOTUL FIM Superbike World Championship durante una  riunione elettronica tenutasi martedì 24 ottobre 2017.

Le norme del 2018 sono state concordate dopo la considerazione di molti aspetti del campionato. 

Una analisi dettagliata è stata condotta in collaborazione con squadre, piloti e produttori, con particolare attenzione alla parità, al controllo dei costi e alla competitività.  Di conseguenza, i principali cambiamenti di questa analisi sono dettagliati nei punti seguenti.

LIMITATORE–  Il sistema di bilanciamento che utilizza gli air restrictors  è stato sostituito con un sistema di limitazione dei giri motore. Il  limite può essere modificato in vari punti durante tutta la stagione e si applica a ciascun singolo produttore.

CONCESSIONI –  Sarà introdotto un sistema di punti di concessione per limitare lo sviluppo del motore delle moto più competitive. In alcune tappe della stagione le squadre che hanno ottenuto meno punti di concessione avranno il permesso di introdurre parti di concessione aggiornate. In qualità di vantaggio secondario, le squadre private avranno accesso alle parti del motore price cup necessari per raggiungere livelli di prestazioni simili alle squadre supportate dalla fabbrica.

PARTI APPROVATE – Nuovi price caup sono stati applicati a telai, sospensioni, motore e altre parti chiave. Si definiranno “parti approvate”. Questo processo garantisce l’accesso e la disponibilità a tutte le parti tutte le squadre insieme a prezzi controllati>>.

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *