Due situazioni completamente differenti: il circuito di Sepang e il piovoso clima asiatico in questo periodo (una furbata fare la tournée asiatica nella stagione delle pioggie) ci regalano due prove libere diametralmente opposte: asciutto nelle FP1, bagnato nelle FP2: andiamo dunque a fare un riepilogo della situazione classe per classe.

MOTOGP– Dovizioso dominante, sull’asciutto e sul bagnato. Il ducatista si trova a suo agio sulla pista di Sepang, e vuole spararsi le ultime cartucce in ottica-Mondiale proprio in Malesia: Andrea guida autorevolmente le FP2 col tempo di 2.11.640, con Marquez a mezzo secondo, Lorenzo a 1” e Vinales a precedere Petrucci e Rossi,  e le cose non cambiano sull’asciutto. Nelle FP1, infatti, in testa c’era sempre il Dovi, ma con una situazione più favorevole: attaccato a lui Bautista, alle loro spalle Zarco e Vinales con Marquez quinto, sempre a mezzo secondo. Se finisse così in gara, il titolo verrebbe assegnato a Valencia, ma MM93 è una bestia da bandiera a scacchi: chi fatica sull’asciutto, invece, è Rossi, che si trova solo 12°.

MOTO2– In Moto2 tutti gli occhi sono puntati su Morbidelli e Luthi, ma nessuno dei due guida le prove libere. Sull’asciutto delle FP1 in testa c’è Oliveira davanti ai duellanti per il titolo (con Morbidelli 2°, 5° Pasini), sotto la pioggia invece ecco Marquez: Alex guida con 2.24.074 e pochi millesimi su Baldassarri e Oliveira che lo seguono, con Luthi 4° e Morbidelli 6°. Insomma, il portoghese sembra il pilota più in forma.

MOTO3– In Moto3 invece la classifica cambia radicalmente da una condizione all’altro: nelle FP1 Mir guida autorevolmente, precedendo l’enfant du pays Noroddin, il compagno Livio Loi e Romano Fenati, sul bagnato invece tutto si rimescola. Il miglior tempo, 2.28.807, è di Canet, che guida su Bendsnyder (+0.514) e Bulega (+0.554): dietro di loro Antonelli e Bastianini, con Mir 8° e Fenati solo 15°.

Domani si riprende: FP3 dalle 3, qualifiche Moto3 alle 6.30 e poi alle 8.10 MotoGP e alle 9.05 la Moto2.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *