Il sogno si realizza, senza neppure faticare troppo: Franco Morbidelli poteva conquistare il titolo iridato della Moto2 quest’oggi, e la missione viene puntualmente compiuta: è il pilota italiano il nuovo campione della classe di mezzo, conquistando l’iride appena prima del passaggio in MotoGP e con una gara d’anticipo. Nella gara malese, trionfa Miguel Oliveira davanti a Brad Binder, ma Franco Morbidelli è terzo e blinda il suo titolo mondiale: decisiva anche l’assenza di Tom Lüthi​ (dichiarato ”unfit” dopo un volo incredibile in qualifica), che di fatto consente all’italiano di poter gareggiare con calma. Con questi risultati, Morbidelli vola a 288 punti, +45 su Luthi, con Oliveira saldamente terzo con 216pti: una classifica definita, con un campione italiano.

In Moto3, invece, ecco la nuova sinfonia di Joan Mir, che si ripete anche a Sepang: lo spagnolo regola Martin e Bastianini, col compagno di squadra Livio Loi in quarta posizione: solo 7° Romano Fenati, che precede Canet e non entra mai in gara. Fenati resta saldamente 2° nel Mondiale, ma il vantaggio (già abnorme) di Mir si allunga: il campione del mondo vola a 321 punti, +86 sull’italiano, con Canet terzo a quota 191pti.

 

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] In una recente intervista, hai dichiarato che proverai a ripetere il salto di qualità compiuto da Franco Morbidelli nel […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *