Le power unit sono sempre al centro dei pensieri della FIA e dei team di Formula 1, e quest’oggi sono state presentate le nuove linee guida che daranno vita al regolamento tecnico per la Formula 1 del 2021, che si preannuncia come rinnovata rispetto alla versione attuale del campionato: all’incontro, avvenuto a Parigi, hanno partecipato i rappresentanti di FIA, Liberty Media e dei team iscritti alla F1, ma anche quei costruttori che vorrebbero entrare come motoristi o con un proprio team in caso di abbattimento dei costi (Cosworth, Porsche e Aston Martin).

Un regolamento che nasce dagli incontri preliminari avvenuti tra team, FIA e fornitori di motori, così da presentare un documento condiviso e arrivare a una prima bozza del regolamento definitivo, che verrà presentato a fine 2018 e sarà esecutivo, dando l’opportunità alle scuderie di portarsi avanti col lavoro in ottica-2021. Le nuove power unit non abbandoneranno l’ibrido, ma andranno in cerca dall’abbattimento dei costi di gestione e sviluppo: si è deciso che i motori saranno V6 da 1.6 litri, dotati di un monoturbo limitato nelle dimensioni e, soprattutto, senza unità MGU-H, uno dei pezzi più ”delicati” dell’attuale power unit. Resterà invece l’unità MGU-K, che sarà più funzionale e gestibile manualmente dal pilota, che potrà preservare energia per poi avere un power boost al momento del bisogno, oppure ricaricare le batterie nel bel mezzo della gara in caso di situazioni di controllo. Insomma, l’unità MGU-K diventerà strategicamente fondamentale nelle gare, mentre le batterie saranno fornite da un’azienda scelta attraverso un bando e non più affidate ai team. Novità anche dal punto di vista ”rumoristico”: la FIA ha proposto di aumentare i giri-motore di 3000 unità, in modo da ottenere un aumento del ”racing noise” che tanto manca agli appassionati.

Decisioni confermate da Ross Brawn, managing director della F1: ”Le regole guida per lo sviluppo delle power unit 2021 rappresentano un esempio concreto del lavoro di squadra che c’è tra FIA, Liberty Media, team e costruttori: siamo tutti uniti per il bene di questo sport. Vogliamo una power unit più semplice da realizzare e gestire, più economica e dal sound migliorato, perchè siamo sicuri che tutto ciò faciliterà l’ingresso di nuovi costruttori in Formula 1: la nuova F1 deve essere una competizione mondiale con tecnologica all’avanguardia, nella quale si andrà a dare spettacolo in modo sostenibile, e le power unit 2021 seguiranno questa strada”.

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Il motore delle F1 attuali è qualcosa di molto complesso, e diventerà ancor più complicato in ottica-2021: l’idea, e questo è paradossale viste le ampie differenze tra i due mondi, sembra essere […]

  2. […] i torti, ma comunque stiamo parlando di minutaglie, Halo compreso. La vera rivoluzione da commentare è quella del 2021, con FIA e Liberty Media che vorrebbero allargare il numero di fornitori dei motori semplificando […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *