Una grande gara, che va ad incoronare un grande Sebastian Vettel: è il ferrarista a trionfare nel GP del Brasile, portando a casa la quinta vittoria stagionale dopo una gara controllata praticamente dall’inizio alla fine. La mossa decisiva Seb l’effettua in partenza: sorpasso a Bottas, che partiva dalla pole, e poi via verso una gestione magistrale della gara, con tanto di difesa davanti all’undercut provato dal finlandese, che prova a superare il tedesco fermandosi prima ai box, ma rimane dietro e non riesce più a portarsi in zona-DRS.

Vettel trionfa e di fatto mette un’ipoteca sul secondo posto iridato, con Raikkonen che va a podio e conquista il 90° piazzamento in carriera tra i primi tre, ma il grande protagonista di questo weekend è Lewis Hamilton: il britannico partiva ultimo, ma al termine del primo giro è già 14° e approfitta della Safety Car (che, visti i tanti detriti in pista, fa passare i piloti nella pit-lane invece che in curva-1, mai visto) per virare sulle gomme soft, iniziando una grande rimonta. Lui e Ricciardo (ultimo dopo un contatto a tre con Vandoorne e Magnussen, ritirati insieme a Ocon nel primo giro: è Grosjean a interrompere la serie di 27 gare a punti per il francesino) effettuano sorpassi su sorpassi, risalgono la classifica e addirittura Hamilton si toglie il lusso di qualche giro da leader della gara, dato che si ferma solo al 45° passaggio: al rientro dalla pit-lane, il campione del mondo 2017 è 5°, e qui inizia la nuova rimonta che lo porta a superare Verstappen (in crisi con le gomme, le cambierà facendo il nuovo giro record di Interlagos: 1.11.044) e portarsi attaccato a Raikkonen. A 4 giri dal termine Hamilton è attaccato al finlandese e a 5” da Vettel, facendo tremare i tifosi Ferrari, ma ecco che le gomme alzano bandiera bianca, costringendolo a rallentare e chiudere in 4a posizione.

L’ordine d’arrivo vede dunque Vettel vittorioso davanti a Bottas, Raikkonen e Hamilton, con Verstappen 5°, Ricciardo 6° e Massa 7° nella sua ultima apparizione nel GP di casa (penultima in F1): completano la top-10 Alonso, Perez e Hulkenberg, in un GP che sembra blindare il secondo posto iridato di Vettel. La nuova classifica generale vede Lewis Hamilton a quota 345 punti, +43 su Vettel e +63 su Bottas, con Raikkonen a sole 7 lunghezze da Ricciardo quarto.

Insomma, c’è ancora qualche motivo d’interesse in vista dell’ultimo GP, che si disputerà il 26 novembre a Yas Marina, negli Emirati Arabi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *