È il sogno di tutti gli appassionati di F1, quello di rivedere Robert Kubica alla guida di una monoposto nel 2018, un sogno che potrebbe diventare realtà grazie al suo manager Nico Rosberg e alla Williams, che si trova a riflettere sui piloti dell’anno prossimo e scegliere tra una prima guida esperta da affiancare a Stroll oppure un giovane come Kvyat.

Nei giorni scorsi, mentre il polacco (che si è ripreso dopo il tremendo incidente nel Rally di Andora) effettuava i primi test con la scuderia di Grove, si sono levate varie voci a favore del suo rientro nel circus, ma (sorprendentemente) ci sono anche dei pareri contrari. E, tra i pareri contrari, ce n’è uno decisamente importante: stiamo parlando di Juan Pablo Montoya, un personaggio da sempre fuori dagli schemi, che ovviamente non poteva esimersi dal commentare il possibile ritorno del polacco volante.

E, com’è tipico del personaggio, l’ha fatto con uno stile tutto suo: ”Il ritorno di Kubica? Francamente penso che tutto questo sia uno scherzo. Sono sicuro che Robert non sia più in grado di superare quelle sfide che comporta una monoposto di F1. Non può arrivare al limite e mantenerlo per tutti quei giri”.

Un parere duro, che va a focalizzare il giudizio su quel problema al braccio che affligge ancora Kubica: nei test di Budapest, il polacco aveva mostrato di saper tenere un ritmo costante per 150 giri, e ora cercherà la prova del nove in un test ad Abu Dhabi dopo il termine della stagione. Riuscirà a battere tutti gli scettici? Onestamente speriamo di sì.

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] molti piloti e molte voci illustri del circus, che si dividono tra il parere favorevole e il ”no” al rientro del polacco, talento cristallino fermato dal tremendo incidente nel Rally […]

  2. […] scuderia di Grove nel 2018 (nonostante i dubbi esternati da Patrick Head e i commenti caustici di Montoya), e tanti addetti ai lavori si sono sorpresi per questo annuncio costantemente ritardato e per la […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *