L’esordio nella 500 miglia di Indianapolis si è trasformato in una delusione per il cedimento del motore mentre era nel gruppo di testa, ma nel 2018 ci sarà un nuovo tentativo, e Fernando Alonso non si limiterà a questo: nella testa di Nando, che spera di tornare competitivo in Formula 1 con la nuova McLaren-Renault, c’è un solo e unico obiettivo, quello di conquistare la tripla corona, e il 2018 viene visto come l’anno dell’ora o mai più dal pilota asturiano.

Oltre al nuovo tentativo nella Indy500, infatti, il due volte campione del mondo F1 ha deciso di buttarsi nel mondo delle 24 ore: anche qui il passaggio verrà fatto a piccoli passi, con l’esordio in una gara di endurance che avverrà alla 24 ore di Daytona, prevista per gennaio e da disputarsi con la Ligier-Gibson del team United Autosport. Alonso gareggerà al fianco di Lando Norris (campione F3) e Phil Hanson, ma il suo grande obiettivo è senza dubbio la 24h di Le Mans: proprio in quest’ottica si va ad inserire la mossa che Fernando Alonso effettuerà domani, scendendo in pista nei rookie test del Mondiale Endurance con una Toyota ufficiale (LMP1) all’indomani della 6h del Bahrain, che andrà a chiudere ufficialmente il FIA WEC 2017.

Per Alonso il primo assaggio di una vettura endurance, e il primo passo verso la partecipazione alla 24h con l’obiettivo di vincerla: per l’asturiano sarà un dejà-vu, dato che già nel 2015 stava per partecipare alla gara più prestigiosa del mondo automobilistico con Porsche, prima di venire bloccato dalla sua scuderia ed essere sostituito da Nico Hulkenberg, che vinse quella 24 ore.

 

 

3 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] vivrà un’annata complessa (correrà la 24h di Daytona, la Indy500 e vuole cimentarsi con la 24h di Le Mans) con la classica ultima chance iridata, o chi […]

  2. […] vi avevamo annunciato il rookie test per Fernando Alonso con Toyota, e quest’oggi possiamo dirvi che quel test ha avuto esiti positivi per entrambe le […]

  3. […] Chan Racing guidata da Jarvis, Ho Pin Tung e Laurent (che domani farà i test con Toyota insieme ad Alonso) era in testa alla corsa, poi ecco un drammatico calo di potenza in extremis che va a rovinare una […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *