Dopo la doppietta spagnola nella giornata di ieri, i nuovi test per Moto2 e Moto3 sul circuito ”Ricardo Tormo” di Valencia portano a un dominio italiano, che va a dare nuovamente valore alla candidatura di Pecco Bagnaia per il titolo Moto2 2018: c’è lui in testa nelle 600cc, con Enea Bastianini davanti nella sempre equilibrata Moto3. L’Italia sorride, ed ecco tutti i risultati.

MOTO2– Il grande protagonista di giornata è senza dubbio lui, quel Pecco Bagnaia che era già andato fortissimo a Jerez e si ripete anche sul tracciato di Valencia, abbattendo sonoramente il muro dell’1.35 e scendendo di due decimi al di sotto del tempo fatto registrare ieri da Alex Marquez. 1.34.949 il crono del torinese, che alla guida della sua Kalex del team Sky VR46 Racing si tiene alle spalle Miguel Oliveira (KTM Ajo, vincitore a Valencia) per 39 millesimi e lo stesso Marquez jr (+0.150). 4° posto per un Hector Barbera in crescita, che vince il premio di pilota maggiormente in pista completando 110 giri, e precede Binder: 8° Lowes, mentre Joan Mir è 12° a otto decimi dal leader. Insomma, si preannuncia un campionato molto combattuto, con Romano Fenati che inizia ad accorciare sui rivali: l’italiano è 18° a 1”2, senza però scendere sotto l’1.36. I test per la Moto2 riprenderanno a metà febbraio, e sarà ancora Valencia a ospitare i piloti in vista della nuova stagione.

MOTO3– Un italiano in vetta, ma il miglior tempo resta quello di ieri, fatto registrare da Jorge Martin. La giornata odierna, comunque, va a premiare Enea Bastianini, che chiude col crono di 1.38.757 e si tiene dietro tutti gli altri, a partire da Aron Canet, staccato di 93 millesimi: 3a piazza per il giovanissimo Alonso Lopez, mentre Jorge Martin è quarto e precede gli italiani Dalla Porta e Migno. 7° Di Giannantonio davanti a Suzuki e Arbolino, mentre fatica Antonelli, 11° a 1”2. Solo 13 piloti in pista, tra i quali ci sono sempre i giovanissimi Deniz e Can Oncu, in realtà impegnati nel CEV l’anno prossimo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *