Vincere l’e-Prix di Hong Kong, vincerlo a due anni dall’ultimo successo ed entrare nella storia di Audi ottenendo la prima vittoria in Formula E della casa tedesca (o meglio, la prima vittoria da quando Audi è entrata come scuderia Factory: ha sempre dato supporto esterno al team ABT), sfruttando anche un ”regalino” di Edoardo Mortara (erroraccio per l’italiano), e farlo nel giorno del proprio 25° compleanno: quella di Daniel Abt era una storia bellissima, che aveva fatto sorridere tutti nella mattinata della Formula E, ma dopo qualche ora è arrivata la doccia fredda a spegnere questa favola d’inizio dicembre.

Come si legge dal comunicato presente sul sito della Formula E, ”Daniel Abt è stato squalificato per delle problematiche legate alle componenti della sua vettura”. Il comunicato non è stato molto chiaro, e così ci ha pensato il team Audi Sport Abt Schaeffler a spiegare le (assurde) ragioni di questa squalifica: in pratica, al momento delle verifiche tecniche, il numero di serie presente sul motore e sull’inverter era differente da quelli che erano stati comunicati nella distinta che viene presentata all’inizio del weekend.

Lo ricordiamo, il blocco-motore, le batterie e tutto il sistema devono essere lo stesso dall’inizio alla fine dell’e-Prix (libere, qualifiche, gara), e inoltre i team si trovano in regime di parco chiuso (impossibilità di modificare le componenti dal punto di vista tecnico) dai test di Valencia: quindi, cambiare le componenti da una gara all’altra non è consentito, e da qui nasce la squalifica di Abt, che viene proprio tolto dall’ordine d’arrivo e perde i 25 punti conquistati nel secondo e-Prix di Hong Kong.

L’assurdità, però, nasce dal fatto che Audi ha definito il tutto come ”un errore amministrativo”, il che porta a uno scenario incredibile: chi ha compilato la ”distinta” ha sbagliato ad annotare il numero di serie, invertendo o sbagliando delle cifre, e portando così alla perdita della vittoria odierna. Audi ha fatto ricorso spiegando la situazione, ma sembra impossibile che venga accolto: la squalifica di Abt (che dovrebbe essere confermata) regala la vittoria nel secondo e-Prix di Hong Kong a Felix Rosenqvist, con Edoardo Mortara secondo e Mitch Evans terzo (Buemi sale 10°), e va a riscrivere le classifiche generali. Vi facciamo un rapido riepilogo.

Classifica piloti:

1) Sam Bird (Gbr/DS Virgin Racing) 35 punti
2) Jean-Eric Vergne (Fra/Techeetah) 33 punti
3) Felix Rosenqvist (Sve/Mahindra Racing) 29 punti
4) Edoardo Mortara (Ita/Venturi) 24 punti
5) Nick Heidfeld (Ger/Mahindra Racing) e Mitch Evans (Nzl/Panasonic Jaguar Racing) 15 punti.

Classifica costruttori:

1) Mahindra Racing (Ind) 44 punti
2) DS Virgin Racing (Gbr) 41 punti
3) Techeetah (Chn) 33 punti
4) Venturi (Mon) 30 punti
5) Panasonic Jaguar Racing (Gbr) 27 punti.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *