Nelle scorse ore c’era stato qualche segnale, ma ora iniziano ad arrivare spifferi, conferme e primi rumours d’autore sulla fine della favola del ritorno di Robert Kubica, che aveva emozionato tutti e avrebbe rappresentato una bellissima storia di sport.

Il polacco si era ripreso (”guido al 90% rispetto a prima”) dal tragico incidente del Rally Andora (2011), lavorando duramente e andando a compensare con l’altro arto la menomazione riportata, così da riuscire ad andare nuovamente veloce e proporsi per un romantico ritorno nel circus: era una sfida personale, che sembrava vinta dopo i test di Abu Dhabi, dato che Williams gli aveva fatto provare la macchina 2017 (a differenza di Renault, che l’aveva scartato dopo un test per puntare su Sainz) e Robert era andato più forte del russo Sirotkin, suo vero rivale per il posto al fianco di Lance Stroll. Mezzo secondo più veloce, e tutto sembrava far presagire a un’ufficialità imminente per Kubica: il passare dei giorni, sommato a qualche indiscrezione e a qualche frase qua e là, aveva fatto sorgere dei dubbi sulle reali intenzioni di Williams, e ora dall’Inghilterra arriva quella che potrebbe essere la mazzata definitiva per il polacco.

Stando a ciò che riporta Motorsport.com, che ha citato fonti interne alla scuderia, Robert Kubica sarebbe stato scartato nelle scorse ore insieme a Paul Di Resta, e ora il grande favorito per affiancare Stroll è il russo Sergey Sirotkin, con cui ci sarebbero dei ”contatti molto avanzati” per il contratto con Williams Martini Racing: la scuderia britannica aveva fatto sapere nei mesi scorsi che avrebbe scelto ”in base alla velocità e non in base a fattori esterni”, ma con questa scelta si sta ampiamente smentendo. Sirotkin, infatti, ha superato tutti in virtù dei 15mln di sponsorizzazione offerti dalla SMP Bank, istituto di credito di proprietà di Arkady Rotenberg che vanta al suo interno un’importante partecipazione governativa: in soldoni, la Russia voleva avere un pilota in F1 nel prossimo GP di Sochi (non a caso, anche Kvyat si era proposto), e si è mossa per far sì che Sirotkin (classe ’95 che è stato collaudatore Renault nel 2016 e nel 2017) avesse tutte le carte (economiche) in regola per partecipare al campionato 2018.

Vedremo se questi rumours verranno confermati anche da un annuncio ufficiale, ma la trattativa tra Williams e Sirotkin sembra ben avviata, e Robert Kubica rimarrebbe mestamente appiedato dopo aver accarezzato un sogno: il sogno del polacco era un po’ il sogno di tutti gli appassionati, che rischiano dunque di subire un brutto colpo da una F1 sempre più votata verso i piloti paganti…

3 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] notizia era nell’aria da qualche settimana, ma dopo l’annuncio di Williams, che aveva deciso di procrastinare la scelta della propria […]

  2. […] far calmare le acque dopo la miriade di commenti negativi seguita alle indiscrezioni sulla firma ad un passo per il russo Sergey Sirotkin, che avrebbe trovato un accordo dopo aver proposto ai britannici una ”borsa” di 15mln […]

  3. […] rimbalza da qualche giorno all’interno del circus (assieme a quella della fine del sogno di Robert Kubica: venerdì Williams annuncerà la scelta di Sirotkin), ma sta prendendo sempre più forza: il Kuwait […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *