Honda-Gajser, avanti tutta. Questa è la grande notizia di giornata. Dunque, il biennio risultato vincente in MX2 ed MXGP tra 2015 e 2016 prosegue anche dopo la complicata stagione da poco conclusa. Ed il sodalizio dovrebbe durare fino al 2020, data in cui scadrà il nuovo contratto sottoscritto dalla stella slovena. Questa decisione allontana l’ipotesi di un futuro in America per Tim, nonostante in più di un’occasione il campione classe 1996 si fosse detto interessato a tentare l’avventura oltre Oceano. Ed invece Gajser si proietta nuovamente sulla MXGP, con l’obiettivo dichiarato di salire nuovamente sul trono. Ecco le sue parole: <<Sono davvero felice di essere in MXGP per altri due anni. Abbiamo affari in sospeso da quest’anno e voglio essere di nuovo campione del mondo, quindi continueremo a lottare per questo come priorità. HRC ha lavorato sodo sulla moto e ci sono alcuni cambiamenti che ha fatto, che sono molto buoni, quindi non vedo l’ora di affrontare la sfida del prossimo anno e penso che abbiamo un pacchetto molto forte per combattere per il titolo. L’intero team è più affamato che mai per il prossimo anno, e l’ho già detto prima, andiamo avanti come una famiglia dove tutto funziona ed ho davvero tutto ciò di cui ho bisogno e mi sento molto felice>>.

Gli fa eco la Honda con le parole di Tetsuhiro Kuwata. Le intenzioni dell’HRC sono molto chiare e bellicose per la KTM di Antonio Cairoli: <<Siamo molto lieti di decidere con Tim che resterà in MXGP per altre due stagioni. Certo, ha ancora il desiderio di correre in America, ma per il breve termine il nostro obiettivo comune è riportare il Campionato del Mondo in Honda, e crediamo che la combinazione di Tim e CRF450RW sia una partnership molto forte per permetterci per ripetere il 2016 e lottare per il titolo di nuovo l’anno prossimo. Tim ha lavorato duro e abbiamo lavorato duro, e siamo fiduciosi di un altro livello di prestazioni la prossima stagione in MXGP>>. Il guanto di sfida è appena stato lanciato.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *