Idee, cambiamenti epocali e nuove soluzioni: Liberty Media vuole innovare la Formula 1, e sembra sempre più intenzionata a cambiare tutto, dai costi del circus, ai regolamenti, ai circuiti, alle consuetudini. Questa volta l’ondata ”rottamatrice” della proprietà USA va a colpire la presenza di hostess e ombrelline sulla griglia di partenza dei GP: si tratta di una presenza fissa nel motorsport, che viene sempre mischiato con quest’elemento.

La bella ragazza vicino al pilota, a proteggerlo con l’ombrello o portare il cartello col suo nome/numero, e spesso vestita con abiti succinti che presentano i loghi dello sponsor del caso: alcuni le criticano, altri le accettano semplicemente perchè ci sono da sempre e vanno a solleticare lo sguardo dello spettatore. Ora Liberty Media starebbe pensando di eliminarle del tutto dal circus, incontrando però critiche e polemiche, come ha svelato Ross Brawn (ds della F1 e braccio armato della proprietà): ”Vorremmo eliminare le paddock girls perchè si tratta di una cosa antiquata e maschilista, ma è anche una questione delicata da affrontare e cercheremo di rispettare tutte le parti: alcuni vorrebbero rispettare la tradizione, altri invece vorrebbero un cambiamento. Stiamo riflettendo”.

Ross Brawn lancia il sasso a BBC Radio 5 dunque, mentre il presidente della F1 e di Liberty Media Chase Carey sminuisce la questione dicendo che ”non è una priorità”. Le voci a favore del mantenimento delle paddock girls, però, sono molteplici, a partire da Daniel Ricciardo e da queste dichiarazioni di Chris Horner: ”Abbiamo avuto per anni le hostess e ci hanno criticato, abbiamo fatto svolgere quel ruolo ai bambini e anche lì ci sono state voci contrarie. Non va mai bene quando fai le cose, ma viviamo in una società moderna e dobbiamo essere aperti a tutto e a tutti. Le donne svolgono un ruolo chiave in F1 e, per prendere in prestito una frase di mia moglie (Geri Halliwell, ndr), il potere delle ragazze è molto forte in Formula 1. Nel nostro team abbiamo molte donne in posizioni di rilievo che fanno un lavoro enorme, c’è Claire Williams e ci sono state altre donne di potere nel circus. Non vedo perchè dovremmo abolire le hostess o essere considerati maschilisti, le donne hanno spazio e responsabilità in F1”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *