Sembrava tutto pronto per l’annuncio del pilota che affiancherà Lance Stroll nella line-up 2018 di Williams Martini Racing, ma ecco l’ennesimo colpo di scena per la scuderia di Grove, che ha annunciato un nuovo rinvio: nessuna accelerata prima delle vacanze invernali e del Natale, ma una calma olimpica che porterà la casa britannica ad annunciare la sua seconda guida addirittura verso la metà del gennaio 2018.

Williams si prende dunque un mesetto per riflettere, o forse vuole semplicemente far calmare le acque dopo la miriade di commenti negativi seguita alle indiscrezioni sulla firma ad un passo per il russo Sergey Sirotkin, che avrebbe trovato un accordo dopo aver proposto ai britannici una ”borsa” di 15mln per garantirsi un contratto biennale: non ci è dato sapere i motivi di questo ennesimo rinvio della scuderia di Grove, che di fatto è l’unica a non aver ancora svelato entrambi i piloti, ma questa frenata regala un altro mese di speranza a Robert Kubica e ai suoi tifosi, che avevano già subito la delusione dell’abbandono da parte di Renault dopo il doppio test a Budapest.

Il polacco, che aveva effettuato i test con Williams ed era andato più veloce di Sirotkin ad Abu Dhabi nonostante il suo problema fisico, sembrava essere stato tagliato fuori dalla proposta milionaria di Sirotkin, ma finchè non c’è l’annuncio ufficiale tutto può succedere e Robert spera. Williams aveva avuto discussioni anche con Kvyat, Wehrlein e Di Resta, ma questo terzetto sembra out: lotta ristretta a Kubica e Sirotkin dunque, e vedremo cos’accadrà da qui a gennaio, dato che le voci e le indiscrezioni di mercato (secondo alcune fonti russe, Williams avrebbe anche tentato la via ”democristiana”, proponendo a Kubica e al russo di dividersi equamente le gare al fianco di Stroll: ipotesi poco praticabile) si rincorrono.

 

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] notizia era nell’aria da qualche settimana, ma dopo l’annuncio di Williams, che aveva deciso di procrastinare la scelta della propria seconda guida, tutti quanti avevamo […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *