Dopo il lungo inverno, l’attesa è finita! Riparte la MotoGP con il primo giorno di test in Malaysia, caratterizzato da una mattina umida con pista bagnata e da un pomeriggio asciutto con le nuvole bianche spazzate via.
In condizioni di pista bagnata si è messa in mostra soprattutto la Ducati, e solo verso le 16 (ora locale) si sono viste le altre scuderie.
Negli ultimi minuti tutti i top rider hanno tentato di strappare il tempo da pole position e Dani Pedrosa ne è uscito vincitore con un crono pazzesco: 1:59:427! Le due Rosse di Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo sono però subito attaccate a poco più di tre decimi. Petrucci completa il terzetto Ducati, mentre Rossi è sesto, seguito da Marquez. Solo 13esimo Maverik Vinales. Ma andiamo ad analizzare la giornata di ogni scuderia.

QUI DUCATI
I due piloti di Borgo Panigale hanno provato la moto sia sul bagnato che in condizioni di asciutto. Andrea Dovizioso ha girato per lo più con la carena standard, utilizzata nei giorni precedenti anche dal collaudatore Stoner. Carena alata invece per Jorge Lorenzo. I due rider hanno avuto a disposizione sia la GP17 che la GP18, così da capire le differenze tra le due moto ed eventualmente decidere quale strada intraprendere. Il numero 04 ha tentato di simulare un piccolo passo gara, o per lo meno ha cercato di rimanere attaccato ai tempi dei primi. Il maiorchino invece ha lavorato affiancato da Stoner, per cercare di raccogliere più sensazioni possibili. Giornata positiva sicuramente per entrambi, con Dovizioso secondo e Jorge terzo. Confermate le buone sensazioni avute da Casey.

26993759_10156527410700769_5261148483877092110_n

QUI YAMAHA
Una delle protagoniste di giornata è sicuramente la Yamaha. La scuderia giapponese ha messo a disposizione un nuovo motore che ha portato ottimi risultati, visto che le M1 hanno registrato tra le migliori velocità di punta. Il propulsore 2018 è stato utilizzato su telaio base 2016. In particolare, le carene utilizzate sono state due, una standard e una con un differente profilo aerodinamico. Quest’ultima è stata impiegata dai tester Nagasuka e Nozane.
Vinales ha collezionato una sessantina di giri in totale e ha chiuso con il 13esimo posto, mentre Valentino ha girato leggermente meno, ma ha riscontrato ottimi tempi, un sesto posto finale e soprattutto sensazioni molto positive. I due top rider sanno bene però quanta strada ci sia ancora da fare.

26992756_10156527414440769_2266516840354888609_n

QUI HONDA
In casa Honda l’obiettivo di giornata era la prova di due motori, non ancora definitivi. In base ai dati ottenuti, i tecnici nipponici decideranno quale strada intraprendere e quale propulsore sviluppare. Qualche lavoro è stato effettuato anche su telaio e carena, anche se domani verrà approfondito il discorso. Pedrosa e Crutchlow hanno martellato la sessione di test con ottimi tempi, segno che la moto c’è e ha grande potenziale. Più nascosto invece Marc Marquez, uno abituato a stare sotto i riflettori. Il funambolo numero 93 ha però lavorato su altri aspetti della sua due ruote.

26992315_10156527411665769_7627226882766510578_n

QUI SUZUKI
Dopo un 2017 da incubo, il team Suzuki vuole risorgere e per farlo, la nuova GSX-RR presenta un motore tutto nuovo e una carena con differente profilo aerodinamico, così da permettere migliori prestazioni ad Andrea Iannone (scivolato e sedicesimo) e Alex Rins (undicesimo). Presente anche il collaudatore Guintoli.

26993551_10156527410710769_5463701091119612361_n

QUI APRILIA
Tantissimi i cambiamenti in casa Aprilia, a partire da elettronica, distribuzione dei pesi, ma soprattutto due carene con aerodinamica inedita e un motore più potente di quello del 2017. L’obiettivo principale è migliorare la stabilità in frenata, ma la scuderia italiana vuole effettuare un grande salto di qualità e avvicinarsi stabilmente ai top team.

QUI KTM
Il 2017 è stata una stagione in crescendo per la KTM, che punta a ritoccare e migliorare la moto senza stravolgerla. Pol Espargaro, Bradley Smith e il tester Mika Kallio hanno avuto a disposizione una moto con caratteristiche specifiche per ognuno di loro. Lo sforzo della KTM è notevole e il decimo posto di Espargaro ne è una testimonianza.

Ecco i tempi a fine giornata:

1 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 1:59.427 55 / 56
2 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 1:59.770 0.343 0.343 33 / 35
3 LORENZO, Jorge Ducati Team 1:59.802 0.375 0.032 38 / 38
4 PETRUCCI, Danilo Alma Pramac Racing 2:00.123 0.696 0.321 29 / 30
5 MILLER, Jack Alma Pramac Racing 2:00.178 0.751 0.055 42 / 43
6 ROSSI, Valentino Movistar Yamaha MotoGP 2:00.233 0.806 0.055 44 / 50
7 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 2:00.290 0.863 0.057 50 / 51
8 ZARCO, Johann Monster Yamaha Tech 3 2:00.421 0.994 0.131 60 / 62
9 CRUTCHLOW, Cal LCR Honda CASTROL 2:00.522 1.095 0.101 28 / 38
10 ESPARGARO, Pol Red Bull KTM Factory Racing 2:00.568 1.141 0.046 38 / 39
11 RINS, Alex Team SUZUKI ECSTAR 2:00.627 1.200 0.059 61 / 63
12 NAKAGAMI, Takaaki LCR Honda IDEMITSU 2:00.664 1.237 0.037 63 / 64
13 VIÑALES, Maverick Movistar Yamaha MotoGP 2:00.714 1.287 0.050 55 / 72
14 ESPARGARO, Aleix Aprilia Racing Team Gresini 2:00.866 1.439 0.152 34 / 40
15 RABAT, Tito Reale Avintia Racing 2:00.912 1.485 0.046 66 / 66
16 IANNONE, Andrea Team SUZUKI ECSTAR 2:01.027 1.600 0.115 27 / 41
17 SMITH, Bradley Red Bull KTM Factory Racing 2:01.099 1.672 0.072 29 / 39
18 MORBIDELLI, Franco EG 0,0 Marc VDS 2:01.161 1.734 0.062 61 / 62
19 BAUTISTA, Alvaro Ángel Nieto Team 2:01.728 2.301 0.567 30 / 40
20 GUINTOLI, Sylvain Suzuki Test Team 2:01.864 2.437 0.136 37 / 58
21 REDDING, Scott Aprilia Racing Team Gresini 2:01.962 2.535 0.098 40 / 51
22 TEST3, Yamaha Yamaha Test Team 2:02.044 2.617 0.082 26 / 28
23 HERNANDEZ, Yonny Monster Yamaha Tech 3 2:02.053 2.626 0.009 47 / 47
24 ABRAHAM, Karel Ángel Nieto Team 2:02.088 2.661 0.035 46 / 46
25 TEST2, Yamaha Yamaha Test Team 2:02.527 3.100 0.439 23 / 39
26 SIMEON, Xavier Reale Avintia Racing 2:02.946 3.519 0.419 45 / 47
27 LUTHI, Thomas EG 0,0 Marc VDS 2:03.732 4.305 0.786 57 / 58
28 TEST1, Yamaha Yamaha Test Team 2:03.786 4.359 0.054 3 / 4
29 PIRRO, Michele Ducati Test Team 2:04.767 5.340 0.981 3 / 4
30 KALLIO, Mika KTM Test Team 2:05.932 6.505 1.165 7 / 7

Fonte immagini: MotoGP.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *