Dopo la brutta caduta di ieri, tutto il mondo del motocross attendeva un responso sulle condizioni di Jeffrey Herlings, che era stato messo fuori gioco nella prima tappa degli Internazionali d’Italia (Riola Sardo): l’olandese, dopo essere stato stretto contro le transenne da Romain Febvre in partenza, aveva innescato una caduta di gruppo, venendo travolto da Matteo Bonini e danneggiando irrimediabilmente la sua KTM.

Niente arrivo tra i primi 20 nella MXGP e niente manche Supercampione per lui, ma soprattutto tanto spavento e un forte dolore alla schiena che inizialmente aveva fatto temere per la sua assenza nelle successive tappe degli Internazionali (e per l’inizio del Mondiale). Invece lo stesso Jeffrey ha rassicurato tutti tramite i suoi social, lanciando anche una frecciatina ai suoi avversari: ”Un italiano ha tentato di buttarmi giù dalle retrovie quest’oggi… #gomma”. Post rimosso pochi minuti dopo, ma che mostrava chiaramente il segno della ruota e le escoriazioni sulla schiena colpita da Bonini.

E poi, ai media olandesi, Jeffrey Herlings ha rassicurato tutti sulla propria partecipazione alle prossime gare: ”L’incidente non è stato brutto, ma essere investiti non è molto divertente. Sono stato fortunato e non mi sono fatto troppo male, ma la moto era molto danneggiata e non sono riuscito a continuare la gara. Peccato, ma almeno siamo in condizioni migliori rispetto all’anno scorso, quando siamo andati via con una mano rotta! A parte questo, sto benissimo con la moto e ci riproveremo settimana prossima”.

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] per risistemarlo. Ora dovrà fermarsi per un mesetto buono, mentre è subito rientrato Jeffrey Herlings dopo la caduta di Riola Sardo: sarà lui il grande rivale di Antonio Cairoli a […]

  2. […] classe regina assistiamo a un incomprensibile tracollo delle partecipazioni dall’estero. Jeffrey Herlings è rimasto a casa per i postumi dell’infortunio patito a Riola, Tim Gajser marca nuovamente […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *