Dopo i rumours sulla possibile partecipazione di Tim Gajser all’MXGP d’Argentina (con una maschera protettiva) nonostante il brutto infortunio che l’aveva messo ko durante l’ultima tappa degli Internazionali d’Italia motocross a Mantova, arriva la decisione ufficiale di Honda HRC, che preferisce far riposare lo sloveno ed evitare di forzare i tempi di rientro.

Troppo instabile la mandibola del campione del mondo MX2 2015 ed MXGP 2016, che si era fratturato l’osso in tre punti dopo la tremenda caduta seguita a un errore su un salto (Gajser stesso l’ha spiegata, vedi sotto) ed è stato operato ben due volte: una prima a Mantova la sera di domenica, la seconda in Slovenia per stabilizzare ulteriormente la mandibola fratturata. Tempi di recupero tra le settimane e il mese, e così si è reso necessario lo stop medico a Tim Gajser (potete leggere qui l’intervista che avevamo realizzato allo sloveno), in modo tale da evitare rientri affrettati che avrebbero solo aggravato la situazione, visti i prevedibili contraccolpi sui salti e dossi della pista argentina di Neuquen (4 marzo).

Tim Gajser tenterà così di rientrare per il secondo appuntamento stagionale sulla sabbia di Valkenswaard (18 marzo), e Honda HRC si troverà senza piloti in MXGP: l’altro pilota, Brian Bogers, si sta ancora riprendendo da una brutta frattura al piede rimediata a fine novembre, lasciando così la RedMoto senza un pilota nella classe regina. HRC dovrà dunque puntare tutto sulla MX2 con Calvin Vlaanderen, mentre Gajser ha spiegato così la sua caduta sul sito ufficiale del team: ”Tutto sommato, posso dire di essere stato fortunato. Sono scivolato con la gamba destra prima di saltare e questo mi ha costretto ad aprire involontariamente l’acceleratore e fare il lungo: sono atterrato praticamente alla base del salto successivo e ho colpito con forza la faccia sul manubrio, perdendo conoscenza. Poteva andare molto peggio. Vorrei ringraziare i medici che si sono presi cura di me, la squadra che è rimasta al mio fianco, i fan e tutti coloro che erano seriamente preoccupati per il mio benessere: presto ritroverò il sorriso sulla mia faccia, e spero che non rimangano segni dopo questa frattura e possa essere anche un bel sorriso!”.

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *