Antonio Cairoli e Jeffrey Herlings appaiati in testa al Mondiale MXGP, Pauls Jonass in totale dominio in MX2 con sei vittorie su sei: era questa la situazione prima del weekend italiano della MXGP, che vivrà domani le gare dell’MXGP del Trentino sul circuito di Arco di Trento/Pietramurata. Un weekend molto atteso dai tifosi italiani, che sperano di poter assistere al trionfo di Antonio Cairoli già a partire dalla manche di qualifica: andiamo a scoprire cos’è successo nei 20 minuti più due giri disputati dai piloti di MX2 e MXGP.

MX2: JORGE PRADO DOMINA IN QUALIFICA– Risultati a sorpresa nella manche di qualifica della MX2, che assiste al primo scricchiolio del dominio di Pauls Jonass, avvenuto però in una prova che ovviamente non ha valore ai fini della classifica generale. Il lettone aveva dominato la time practice infliggendo 1” a tutti sul giro secco, ma ha effettuato una pessima partenza e compromesso di fatto la sua manche di qualifica: la risalita dal fondo del gruppo è avvenuta solo nel finale, e il risultato è stato una 15a posizione a quasi un minuto di distacco dal vincitore odierno. Un modo come un altro per preservare energie e non sprecarle in un’inutile rimonta furibonda dal fondo del gruppo, che ha dunque spianato la strada all’altra KTM di Jorge Prado: lo spagnolo, in crescita negli ultimi due GP, ha chiuso in testa ed effettuato il giro più veloce (1.48.817), infliggendo quasi 6” a Thomas Kjer Olsen e 7”221 all’altra Husqvarna di Thomas Covington. 4° Ben Watson davanti a Mewse, Jacobi, Sterry, Fernandez, Cervellin (9°) e Pootjes: 12° invece Samuele Bernardini (a 53”732), con la wild card Joakin Furbetta al 22° posto, Nicholas Lapucci 24° e Morgan Lesiardo solo 25° sulla pista che l’hanno scorso aveva visto iniziare la sua cavalcata verso il titolo Europeo 250. Chiudono il bilancio degli italiani Bertuzzi e Furlotti, rispettivamente 30° e 35°.

MXGP: HERLINGS INFLIGGE DISTACCHI-MONSTRE A TUTTI, CAIROLI 2°– Nella time practice di qualche ora fa Jeffrey Herlings era stato nettamente il più veloce, e l’olandese ha mostrato il suo passo-gara già dalla manche di qualifica odierna, staccando tutti e infliggendo distacchi-monstre agli avversari: Antonio Cairoli chiude secondo a 22”777, ma col giro più veloce (1.47.585) e un pizzico di controllo in vista di domani, quando tenterà di far esplodere di gioia il pubblico italiano. Terzo Clement Desalle a 29”756 e con un dato che conferma che la MXGP quest’anno viaggia su due binari: il suo miglior giro è oltre 1” più lento rispetto a quelli di Cairoli ed Herlings, si prennuncia una gara a due tra i piloti KTM. 4° Paulin a 32”465, precedendo un buonissimo Coldenhoff, Van Horebeek, Febvre, Desprey, Seewer e Lieber: 13° Paturel al debutto in MXGP, 15° Lupino a 1’13”206 dal vincitore odierno e precedendo Ken De Dycker. Solo 17° Gajser, autore di una gara incolore chiusa addirittura a 1”24”510. Gli altri italiani: 20° Pezzuto davanti a Nagl, 28° Bonini, 31° Recchia, 32° Zecchina, 33° Monticelli e 36° Muratori, mentre si è ritirato Di Marziantonio.

Domani le gare inizieranno alle 13 con la prima manche MX2 (alle 16 la seconda), poi alle 14 gara-1 della MXGP (gara-2 alle 17).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *