Dakar 2019

48.8km di dune nel solo tratto di Erg Chebbi, con un percorso di base insidioso e carico di pericoli, ma che di fatto ci porta pochissimi stravolgimenti nelle varie classifiche generali: le prove oscillano tra i 38′ e i 55′, e così ne va da sè che i distacchi dell’ultima tappa del Merzouga Rally siano nell’ordine dei secondi e non dei minuti. Andiamo a scoprire l’ultima classifica di tappa e gli ordini d’arrivo complessivi della corsa: ricordiamo che in questa frazione si assisteva alla suggestiva partenza mass start delle moto.

VITTORIA DI TAPPA PER QUINTANILLA NELLE MOTO, RALLY A BARREDA. VINCONO ANCHE DUTRIE E VARELA48.8km facili non portano a grandi stravolgimenti, anche perchè i titoli erano di fatto già assegnati a Joan Barreda nelle moto, Axel Dutrie nei quad e Reinaldo Varela nei side-by-side. Nelle moto, la frazione va a Pablo Quintanilla, il cui distacco sugli altri big è risibile: 3” su Benavides, 6” su Price, 24” su Santolino e 26” su Barreda, con Cornejo e Caimi ottavi a 42”, Brabec a 43” davanti a Short (Husqvarna) e gli italiani out dalla top-10 di tappa e nella generale. Jacopo Cerutti è 14° a 3’01”, Maurizio Gerini 17° a 3’04” e a pari merito con Svitko, mentre Botturi chiude 20° a 3’29”. Risultati che accorciano di qualche secondo il vantaggio di Joan Barreda, che precede sul podio Kevin Benavides (6’10”) e Pablo Quintanilla (11’25”)  lo spagnolo di Honda HRC si è saputo gestire e ha conquistato il Merzouga Rally, dichiarando di essere ”entusiasta per questo raggio di luce che arriva dopo svariati mesi out per l’infortunio”. Nelle altre classi, qualche sorpresina: Faria e Currie, out dalla vittoria finale per ingenti penalità ieri, non si sono presenti alla partenza della corsa, e la tappa è andata a Reinaldo Varela, che può suggellare il bis dopo la Dakar, ottenuto con una grande gara e di nessun errore commesso: Merzouga Rally dei SxS che viene vinto dal brasiliano davanti ad Abel e ad Annett Fischer, che strappa il podio in extremis a Henricy.  6° complessivo Carlos Checa con 2h18’49”, e grande prima per lo spagnolo, che avrebbe lottato per vincere senza le noie tecniche: Checa potrebbe tentare in futuro la Dakar, mentre nei quad l’ha già vinta Axel Dutrie, che nella tappa odierna è arrivato 5° controllando e lasciando i riflettori all’austriaco Arkadiusz Lindner.

Di seguito le classifiche generali del Merzouga Rally.

MOTO: 1) Joan Barreda Bort (Spa/Honda HRC) in 13h28’19”, 2 Kevin Benavides (Arg/Honda HRC) a 6’10”, 3) Pablo Quintanilla (Chi/Husqvarna) a 11’25”, 4) Franco Caimi (Arg/Yamaha) a 18’49”, 5) Ricky Brabec (USA/Honda HRC) a 20’04”, 6) Toby Price (Aus/KTM) a 21’04”, 7) Juan Pedrero Garcia (Spa/Sherco) a 29’18”, 8) Ignacio Cornejo (Chi/Honda HRC) a 42’37”, 9) Stefan Svitko (Svk/KTM) a 53′, 10) Andrew Short (USA/Husqvarna) a 1h01’25”, 13) Alessandro Botturi (Yamaha) a 1h17’32”, 18) Maurizio Gerini (Husqvarna) a 3h06’18”, 21) Vanni Cominotto (Sherco) a 2’27’42”, 23) Jacopo Cerutti (Husqvarna) a 3h32’20, 36) Francesco Catanese (Yamaha) a 8h28’37”, 38) Luca Saporiti (KTM) a 8h52’37”, 43) Giorgio Papa (KTM) a 10h00’20”, 59) Francesco Tarricone (Beta) a 23h43’34”, 66) Gabriele Minelli (KTM) a 34h58’04”.

QUAD: 1) Axel Dutrie (Fra/Yamaha) in 18h24’52”, 2) Jeremy Forestier (Fra/Yamaha) a 1h35’26”. 3) Simon Vitse (Fra/Yamaha) in 2h29’36”.

SxS: 1) Reinaldo Varela (Bra/Can-Am) in 17h22’17”, 2) Eric Abel (Fra/Polaris) a 1h35’26”, 3) Annett Fischer (Ger/Can-Am) a 1h46”12, 6) Carlos Checa (Spa/Polaris) a 2h18’49”, 7) Camelia Liparoti (Yamaha) a 3h07’47”, 14) Andre Villas Boas (Por/Can-Am) a 9h40’00”.

Sono arrivati 101 dei 142 piloti iscritti al Merzouga Rally 2018.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *