Ripartire dopo un GP complicato, che l’ha visto passare dal secondo posto in gara-1 al quinto in gara-2 nell’insolito 1° maggio di gara a Orlyonok (Russia): è questo l’obiettivo di Antonio Cairoli, che domenica ritroverà una pista amica e proverà a ritrovare la condizione d’inizio stagione. Il siciliano, 9 volte iridato nel motocross, era partito molto bene in stagione e aveva lottato manche su manche con Jeffrey Herlings, ma sembra aver vissuto un calo nella condizione fisica e sta soffrendo la maggior freschezza del compagno-rivale, che è passato dal parimerito pre-Arco di Trento/Pietramurata al +23 con cui arriva al prossimo GP.

Si correrà in Lettonia, su una pista amica di Antonio Cairoli, che qui ha vinto 4 degli ultimi 8 GP e non è salito sul podio solo nel 2015 (5° posto): Tony ha ottenuto il successo nel 2009, nel 2011, nel 2012 e nel 2013, chiudendo 2° nel 2010, nel 2016 e nel 2017. 7 podi in 8 gare sulla pista di Kegums, che è un piccolo talismano per il 222: il fondo sabbioso e non troppo duro della Lettonia piace molto al pilota siciliano, che qui ha costruito svariati trionfi Mondiali. Nelle quattro stagioni in cui Tony ha vinto questo GP, infatti, sono arrivati altrettanti titoli iridati, e la storia si è ripetuta dopo il secondo posto dell’anno scorso. Cairoli dunque proverà a ripartire e guadagnare sul rivale su un tracciato che gli piace molto, ma che non lo vede trionfare nella classifica del GP dal 2013: c’è un +23 da rosicchiare ad Herlings, ma soprattutto c’è da concludere un digiuno non usuale per un campione del suo calibro. Dopo la doppietta in Spagna che aveva azzerato il vantaggio dell’olandese, infatti, Antonio Cairoli non ha più vinto una manche ed è a secco di successi dal 25 marzo scorso: vincere è fondamentale per il siciliano, che qualora dovesse finire nuovamente dietro al compagno di squadra si troverebbe in svantaggio tecnico e psicologico. Vinceranno l’esperienza e il grande manico di Cairoli, o la freschezza di Herlings? Oppure arriverà una sorpresa (magari nuovamente Desalle, vincitore in Russia) a rompere le uova nel pianiere? Lo scopriremo a partire da domenica pomeriggio, in una giornata di gare che sarà importantissima per il pilota siciliano.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *