Quarantacinque volte Tom Sykes. L’inglese della Kawasaki riscrive nuovamente la storia, aggiungendo un ulteriore tassello al suo meraviglioso mosaico in termini di Superpole. Il tempo di 1’57”687 gli permette di festeggiare l’ennesima partenza al palo in carriera. Alle sue spalle incombe comunque lo spauracchio chiamato Jonathan Rea, deciso a conquistare il successo numero 60. Attenzione anche a Marco Melandri, terzo e vicino alle due “Verdone”, a differenza del compagno Chaz Davies, solamente nono. Seconda fila per le Yamaha di Alex Lowes e Michael Van der Mark, rispettivamente quarto e sesto, separate dall’Aprilia di Eugene Laverty. Seguono Lorenzo Savadori, Loris Baz e, appunto, Davies. Poi Camier, Rinaldi e Hernandez. Tra poco gara 1.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *