Il futuro di Fernando Alonso era in bilico da settimane, ma nonostante i vari segnali nessuno (noi in primis) ha mai voluto credere davvero a un addio dell’asturiano alla Formula 1. E invece, tutto questo è diventato realtà nella giornata odierna: con un video sul suo profilo Twitter (seguito dal comunicato ufficiale di McLaren), una sorta di lettera aperta all’amata Formula 1, Fernando Alonso ha annunciato l’addio al circus mondiale al termine della stagione: Alonso non rinnoverà il contratto con McLaren e si separerà dalla scuderia di Woking, dopo che il tanto cercato passaggio ai motori Renault non ha portato gli esiti sperati.

Dopo dei test disastrosi e ricchi di problemi meccanici e tecnici per un errore nella costruzione della monoposto, Nando aveva iniziato bene la stagione, andando a punti nei primi cinque GP stagionali e chiudendo 5° a Melbourne: le gare successive, però, gli hanno regalato due ritiri, due poco onorevoli 16mi posti e tante lotte ”contro i mulini a vento” e contro una monoposto che col passare delle prove del Mondiale è diventata sempre meno competitiva. Gli ultimi GP stagionali hanno visto Alonso lottare per passare la Q1 e fare tantissima fatica, sopperendo col proprio talento a una vettura disastrosa (lo dimostrano le prestazioni di Vandoorne, out dai punti dalla quarta gara e da 9 GP). E così, Alonso ha deciso di dire basta.

In Ungheria aveva confermato che avrebbe preso una decisione sul suo futuro ad agosto, ”quando sarò spaparanzato sulla spiaggia e potrò riflettere al meglio”, mentre sabato aveva postato su Twitter una GIF con la data 14-8 e un countdown, facendo presagire che la sua decisione sarebbe arrivata oggi. Cosa che è puntualmente successa: il due volte campione del mondo con Renault, molto sfortunato e vicino al titolo con Ferrari prima del disastro nei quattro anni in McLaren (zero podi in quattro anni, al massimo 5° a Budapest 2015, Monaco e Austin 2016 e Melbourne 2018), lascerà la Formula 1 al termine della stagione, che al momento lo vede a quota 44 punti nella classifica mondiale.

Per Alonso, che sta già correndo nel Mondiale Endurance e ha vinto la 24 ore di Le Mans con Toyota (arrivando a 2/3 della tripla corona), ora dovrebbe esserci il grande salto nelle IndyCar: la sua idea è quella di correre una stagione completa, adattarsi alla categoria e vincere la 500 miglia di Indianapolis, completando così la tripla corona. Nel mentre, potrebbe continuare a correre in parallelo nel WEC: insomma, il suo 2019 sarà a dir poco intenso, e da qui al termine della stagione Nando proverà a godersi le ultime gare con le ”amate F1”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *