Il Mondiale motocross sta per vivere il terzo weekend consecutivo, coi piloti che asseggeranno domenica il nuovo circuito di Afyon e l’MXGP di Turchia dopo le gare in Belgio (Lommel) e Bulgaria (Sevlievo), ma soprattutto vivrà la terzultima gara: dopo la gara nell’ex terra ottomana, toccherà ad Assen e Imola chiudere la stagione che dovrebbe vedere Herlings trionfare in MXGP e Prado vincere il primo Mondiale MX2. E dopo Imola, ecco l’appuntamento fisso del Motocross delle Nazioni: una gara suggestiva, che stavolta si terrà negli Stati Uniti e sul circuito di RedBud.

I vari team sono già concentrati sull’avvicinamento all’MXoN 2018, e anche quello italiano, dato che quest’oggi è stata annunciata la squadra che difenderà i colori azzurri e la bandiera tricolore: l’Italia verrà rappresentata da Antonio Cairoli nella categoria MXGP, Alessandro Lupino nella Open e Michele Cervellin in MX2, e può essere una delle sorprese di quest’edizione. Cairoli dovrebbe tornare in forma per il 7 ottobre e avrà tanta voglia di rivalsa dopo un’annata complicata a tratti, mentre Lupino è una presenza fissa nella top-10 delle recenti gare MXGP e Cervellin è rinato con Yamaha, entrato stabilmente tra i migliori della categoria: gli azzurri hanno dunque una squadra competitiva, che potrà anche giocarsi il podio o comunque stazionare tra le migliori cinque del lotto.

E gli azzurri non sono gli unici ad aver già annunciato la propria squadra. Non ci sarà la Slovenia, che avendo solo Tim Gajser competitivo ha rinunciato, ma hanno annunciato i rispettivi team Francia (Paulin, Febvre, Musquin), Belgio (van Horebeek, Strijbos, Lieber), USA (Barcia, Martin, Webb), Gran Bretagna (Simpson, Anstie, Watson), Australia (Waters, Ferris, Wilson), Nuova Zelanda (Townley, Cooper, Lamont) e le più modeste Irlanda, Brasile e Giappone. La grande favorita è ovviamente la Francia, ma occhio a Gran Bretagna e alle insidie che arrivano dai padroni di casa statunitensi e dalle due nazioni oceaniche: ci attendiamo un grande spettacolo, e non vediamo l’ora di rivedere in gara contro i big europei i vari Barcia, Townley ecc.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *