L’annuncio, come vi avevamo già anticipato qualche giorno fa, era nell’aria da giorni, e nella giornata odierna è arrivata l’ufficialità. Un’ufficialità arrivata ovviamente a Sochi, nella cornice perfetta per annunciare il rientro di un pilota russo in Formula 1. Daniil Kvyat torna nel circus dopo un anno di stop, e lo fa con Toro Rosso.

La scuderia italo-austriaca, che ha rilevato anni fa Minardi mantenendo la sede a Faenza, riaccoglie dunque il ”figliol prodigo”, che tornerà in F1 nel 2019. L’ultimo GP di Daniil Kvyat era stata la gara statunitense di Austin del 2017, l’ultima prima del secondo appiedamento di un talento che sembrava essersi perso: Kvyat era stato lanciato proprio da Toro Rosso, saltando in Red Bull e venendo retrocesso nuovamente nel team italiano nel GP di Spagna 2016 per i propri disastri e per lanciare Max Verstappen. L’anno scorso è stato appiedato una prima volta a metà stagione, richiamato ad Austin per sostituire Gasly (impegnato in Giappone) ed appiedato nuovamente, e nel 2018 si è cimentato nel ruolo da collaudatore al simulatore per Ferrari: ha svolto un ottimo lavoro, riconosciuto da tutti, e si è guadagnato la chance per rientrare in F1 al volante di una Toro Rosso col ruolo di prima guida, sostituendo Gasly (che salterà in Red Bull).

Kvyat ha commentato il rientro nel circus con grande entusiasmo: ”Ringrazio Red Bull e Toro Rosso per avermi dato l’opportunità di rientrare in F1, sono contento di tornare in un team che conosco molto bene. Toro Rosso mi ha sempre fatto sentire a casa, sono sicuro che succederà anche nel 2019. Voglio ringraziare anche Ferrari, ha avuto fiducia nelle mie capacità di guida e mi ha consentito di restare in contatto con la F1 col ruolo da terzo pilota. Ero impegnato principalmente col simulatore, ma ho imparato molto e mi sento un pilota più forte e completo. Non ho mai smesso di sperare di tornare a correre, sono giovane e mi sono sempre allenato con grande attenzione: darò il massimo, e non vedo l’ora di risalire in macchina”.

E anche Franz Tost, team principal di STR, l’ha accolto al meglio: ”Credo che Kvyat si sia guadagnato un’altra chance in F1. Daniil è un pilota esperto e veloce, l’ha sempre dimostrato. Ha dovuto affrontare situazioni difficili, ma sono convinto che sia maturato e possa tornare a mostrare le sue innegabili capacità in pista. Faremo il massimo per dargli una monoposto competitiva, il meglio per lui deve ancora venire e vogliamo vivere una stagione di successi. Bentornato Kvyat!”. 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *