La Formula 1 vivrà la sua rivoluzione nel 2021, ma intanto si appresta a qualche piccolo cambiamento già nella prossima stagione. Le scuderie si attendono qualche piccola modifica regolamentare che puntualmente arriverà (guanti biometrici che segnalano lo stato fisico del pilota, più carburante nel serbatoio, peso del pilota considerato separatamente da quello della vettura per evitare di svantaggiare i più ”rocciosi”), ma potrebbe anche spuntare un cambiamento inatteso.

Da anni ormai il format delle qualifiche si è consolidato: Q1, Q2 e Q3, con cinque piloti eliminati nelle prime due sessioni e i magnifici dieci a giocarsi la pole. Ma potrebbe cambiare sulla proposta di Liberty Media, che vuole delle sessioni più imprevedibili e maggiori rischi per i top driver: l’idea è quella di aumentare le ”tagliole” da superare. Si pensa a una nuova formula delle qualifiche che prevederebbe quattro sessioni: nelle prime verrebbero eliminati quattro piloti per sessione, e poi otto piloti si giocherebbero la pole. Così facendo, tutti dovrebbero tenere alta l’attenzione e tra l’altro nono e decimo avrebbero libertà di scelta sulle gomme, aumentando le possibili soluzioni e lo spettacolo. Inoltre, passando solo otto piloti, sarebbe impossibile per i big farsi qualche calcolo e conservare delle gomme morbide per la gara.

Charlie Whiting ha dato il suo parere favorevole, e i team ne stanno discutendo. Le sessioni dovrebbero essere di 15 minuti ciascuna, 10 minuti invece per la Q4, che darebbe quindi due soli tentativi per l’attacco alla pole position. Una soluzione che a nostro avviso andrebbe a creare ulteriore caos: perchè non tornare al caro e vecchio giro secco? Lì si che vedremmo spettacolo e imprevedibilità.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *