Liberty Media ha cercato nei mesi scorsi di innovare la F1, con qualche errore e tante idee per il futuro, e ora si appresta a dare la prima vera e propria svolta al circus, inserendo delle nuove gare all’interno del calendario e aumentando il numero dei paesi toccati dal circus e da un campionato che (nonostante tutto) resta il più seguito e popolare del mondo.

Nei mesi scorsi si era parlato molto di una possibile gara a Miami (l’idea è slittata al 2020) e di un ritorno dell’Argentina, con un GP cittadino a Buenos Aires, ma al momento tutte queste piste sono andate in secondo piano. Il paese che è più vicino ad ospitare il circus della F1 è infatti il Vietnam, che si candida fortemente a diventare la prima aggiunta al calendario griffata Liberty Media: lo ospiterebbe Hanoi, che diventerebbe la prima città del Sud-Est asiatico capace di ospitare la Formula 1. La sede rintracciata dagli organizzatori sarebbe situata a 12km circa dalla capitale vietnamita, e ancora all’interno della sua area metropolitana, e i colloqui sono molto avanzati: ci si attende l’annuncio ufficiale entro l’inizio del 2019, e da lì partiranno i veri e propri lavori per dar vita al tracciato.

Charlie Whiting stesso, stando ai rumours, ha visitato la sede del GP prima del weekend di Suzuka, ed esternato tutta la sua fiducia riguardo al GP vietnamita: ”La pista non è ancora nata, ma il sito è stato identificato: parliamo di un progetto in fase avanzata, che mira a ospitare un GP dal 2020 e può farlo senza il minimo dubbio. Il circuito sarebbe principalmente cittadino e basato sulle strade locali, e a questo si aggiungerebbe una sezione che dev’essere ancora costruita: è un’area aperta, dove verranno anche costruiti tutti gli edifici necessari per i box, e che ovviamente si raccorderà alle strade già esistenti”.

La F1 è pronta dunque a sbarcare in Vietnam (il circuito verrà disegnato da Hermann Tilke? Mistero), dando un seguito a questo giro promozionale effettuato dalla Red Bull sulle strade di Ho Chi Minh City: forse è stato proprio l’entusiasmo del pubblico vietnamita a dare la spinta decisiva per la realizzazione di un GP nel paese.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *