Quest’oggi si terranno i test della Formula E sul veloce circuito di Valencia, che ospiterà le vetture elettriche per tre giorni e testerà per primo le monoposto Gen2 e le loro velocità che sfioreranno i 300km/h, ma intanto non si placano le novità intorno alla Season 5 del campionato elettrico, che scatterà a dicembre con l’e-Prix disputato in Arabia Saudita. Nella giornata di ieri la Formula E ha annunciato la partnership con Heineken (mentre oggi è toccato a Bosch), che porterà maggiori introiti e visibilità, e quest’oggi invece tocca a dei nuovi cambiamenti nella line-up dei piloti per la stagione che sta per cominciare.

Ormai mancano all’appello pochissimi team, e tra loro spiccava Mahindra, che stamattina ha annunciato ufficialmente quali saranno i suoi portacolori nel 2018-19. Il team si trovava costretto a sostituire Felix Rosenqvist, approdato in IndyCar al fianco di Scott Dixon e nel team Ganassi, e ha deciso di sostituire anche Nick Heidfeld, che diventa consigliere speciale e terzo pilota della squadra di origine indiana, ormai costante all’interno del campionato elettrico: servivano piloti più veloci per le monoposto Gen2, e Mahindra ha effettuato scelte coraggiose. Innanzitutto ha strappato l’altalenante Jerome D’Ambrosio a Dragon Racing, e poi ha puntato su un pilota che è rimasto fuori dalla F1: Pascal Wehrlein sarà il pilota di punta del team, dopo essere stato liberato dal vincolo contrattuale con Mercedes.

La Mahindra 2018-19

La scuderia anglo-tedesca l’aveva fatto debuttare in F1, prestandolo a Manor e Sauber dopo la vittoria nel DTM 2015, ma non era riuscita a trovargli un sedile nel circus nè nel 2018, nè per il 2019. E così Wehrlein, dopo un anno ”a piedi” nel quale ha corso nuovamente nel DTM sotto i colori Mercedes, ha deciso di dare una svolta alla propria carriera: era stato accostato a Toro Rosso, che però si è rifiutata nuovamente di ingaggiare un pilota sotto contratto con un altro team, e allora il tedesco di origini mauriziane (i suoi genitori hanno un 50% di sangue delle Mauritius) ha optato per la Formula E e chiuso con Mahindra. Affronterà, coi suoi 24 anni, una sfida molto interessante in un team ambizioso, che fino alla metà della scorsa stagione era in corsa per il titolo con Rosenqvist. E darà vita a un’accoppiata di piloti dinamica e interessante.

FORMULA E: LA LINE-UP DEI PILOTI AL 16 OTTOBRE– Nonostante siano già iniziati i test della Formula E, c’è ancora uno slot libero nel parco-piloti: Dragon Racing non ha ancora annunciato chi correrà al fianco del Pechito Lopez, e tra i contendenti c’è anche il nostro Antonio Fuoco. Ecco le line-up dei vari team.

DS Techeetah: 25 Jean-Eric Vergne (Fra, campione del mondo), 18 André Lotterer (Ger)

Audi Sport ABT Schaeffler: 11 Lucas di Grassi (Bra), 66 Daniel Abt (Ger)

Envision Virgin Racing (powertrain Audi): 2 Sam Bird (Gbr), 4 Robin Frijns (Hol)

Nissan e.dams: 23 Sebastien Buemi (Svi), 22 Alexander Albon (Tha)

Mahindra Racing (powertrain Magneti Marelli): 94 Pascal Wehrlein (Ger), 64 Jerome D’Ambrosio (Bel)

Venturi Formula E Team: 19 Felipe Massa (Bra), 48 Edoardo Mortara (Ita/Svi)

Panasonic Jaguar Racing: 3 Nelson Piquet jr. (Bra), 20 Mitch Evans (Nzl)

BMW.i Andretti Motorsport: 27 Alexander Sims (Gbr), 28 Antonio Felix da Costa (Por)

Dragon Racing (powertrain Penske): 7 Josè Maria Lopez (Arg), pilota da definire

NIO Formula E Team: 16 Oliver Turvey (Gbr), 8 Tom Dillmann (Fra)

HWA Racelab (powertrain Venturi): 17 Gary Paffett (Gbr), 5 Stoffel Vandoorne (Bel).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *