Voci, contratti firmati e grandi rivoluzioni: a soli 10 giorni dalla fine ufficiale del 2018 del Mondiale Motocross con l’MXoN vinto dalla Francia, impazzano i cambiamenti e le ufficialità riguardo alla line-up della prossima stagione di MXGP e MX2, e non mancano le sorprese. Andiamo a fare un punto sul mercato-piloti delle due classi del motocross.

MXGP: PAULIN E COLDENHOFF LASCIANO I TEAM UFFICIALI, RISCHIO-STOP PER VAN HOREBEEK. ARRIVA JONASS?– Se da un lato Cairoli proseguirà il lunghissimo percorso con KTM De Carli e dall’altro Jeffrey Herlings manterrà ben saldo il proprio posto nel team ufficiale KTM dopo il primo titolo MXGP, intorno a loro cambiano tantissime cose. Herlings avrà un nuovo compagno di squadra, che dovrebbe essere Pauls Jonass: KTM ha preso la repentina decisione di proporre al lettone il salto in MX2 dopo aver saputo dei contatti tra l’iridato MX2 2017 e il team Rockstar IceOne Racing di Husqvarna, e manca solo la firma di Jonass per ufficializzare il tutto. Chi gli fa posto è Glenn Coldenhoff, che nonostante un Nazioni sontuoso ”esce” dal team ufficiale KTM dopo un’annata così così, e firma con KTM Standing Construct: avrà in squadra con sè Ivo Monticelli, che lascia Yamaha, e Max Anstie. Anstie lascia Husqvarna, che cambia entrambi i piloti: anche Paulin ha deciso di cambiare aria, firmando con la Yamaha del team Wilvo e andando ad affiancare Arnaud Tonus in questa squadra. E chi approderà in Husqvarna? Al momento l’unico nome certo è quello di Jasikonis, mistero sul secondo pilota: non sarà Covington, che tornerà negli USA, mentre come dicevamo KTM ha spento sul nascere i contatti con Jonass.

Chi invece rischia grosso è Jeremy van Horebeek: Yamaha gli ha chiuso ogni porta, promuovendo Seewer nel team ufficiale al fianco di Febvre, e ci sono pochissimi team con cui trattare. Potrebbe entrare nella corsa all’Honda Assomotor (che ha in ballo anche Brylyakov per un’unica moto), oppure essere il terzo pilota di KTM Bos Suspension (che ha già sotto contratto Searle e Bobryshev), oppure ripiegare su KTM Marchetti al fianco di Butron, ma lo stop è un rischio concreto: lui stesso ha parlato della possibilità di fermarsi un anno, vedremo cosa succederà. Nessuna novità in HRC (Gajser-Bogers) e nella Kawasaki ufficiale, che conferma Desalle e Lieber, mentre nel team Gebben van Venrooy Kawasaki Benoit Paturel andrà ad affiancare Lupino. Nuovo team invece per Shaun Simpson, che ha firmato con la neonata struttura britannica KTM RFX e gareggerà anche nel campionato britannico. Al momento non sembrano previsti ingressi di altri team, a meno che il team Ghidinelli Yamaha, che ha ingaggiato Samuele Bernardini per il 2019, non decida di disputare la stagione europea della MXGP o addirittura tutto il campionato, visto il nuovo limite d’età inserito nell’EMX250: si attendono annunci in tal senso.

MX2: PRADO RESTA L’UNICA KTM UFFICIALE?– In MX2 la situazione è ancora ampiamente in alto mare, con tanti piloti in corsa e tanti slot vuoti. La situazione più confusa è quella di KTM: la scelta citata poc’anzi di promuovere Jonass lascia al momento Jorge Prado come unico pilota KTM ufficiale in MX2, e al momento non si è ancora capito se verrà affiancato da un altro pilota e non ci sono profili in ballo. Per il resto, tante conferme: HRC terrà Calvin Vlaanderen come unico pilota ufficiale, Bas Vaessen resterà in 114 Motorsports (senza Lawrence, approdato negli USA), che tratta col campione EMX250 Boisrame per la seconda moto. Yamaha terrà come ufficiali Jago Geerts e Watson, mentre Husqvarna conferma Olsen come prima guida e ingaggia Jed Beaton come secondo pilota al posto di Covington. Nessun cambio anche per Michele Cervellin, che proverà a crescere ulteriormente nel team Yamaha SM-Action Migliori: quest’anno è stato costantemente tra i migliori, e verrà affiancato da Renaux. Infine, Kawasaki: il team Bike.it DRT avrà sotto contratto Sanayei e Mewse, il team F&H punterà su Jacobi e Sterry. Rientra nel Mondiale Pootjes con Husqvarna Diga Procross, e ci sono novità anche per gli italiani: Morgan Lesiardo correrà con la KTM del team Racestore Max Bart.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *