Tempo variabile, pista asciutta (ma freddina) e pioggia che si alternano, e così le prove libere di Motegi forniscono poche indicazioni: Dovizioso sembra essere in palla, Yamaha (eccezion fatta per Rossi) fa progressi, e Pedrosa rinasce sulla pioggia. Inoltre, Lorenzo dà nuovamente forfait: troppo dolore per correre in Giappone, ora è a rischio anche l’Australia e forse tutto il finale di stagione, visto che i medici hanno stabilito in 30gg il tempo per veder saldare la frattura che sta facendo soffrire Jorge. Andiamo a ripercorrere i risultati del venerdì di prove.

MOTOGP: PIOGGIA E ASCIUTTO SI ALTERNANO– Le FP1 vengono disputate sull’asciutto, e forniscono indicazioni interessanti: davanti a tutti c’è la Ducati di Andrea Dovizioso, che chiude col crono di 1.45.358 e precede tutti: Crutchlow è secondo a 105 millesimi, terzo Zarco a 125 millesimi, con Marc Marquez quarto a 140 millesimi. Il terzo posto di Zarco e il quinto di Vinales (a 282 millesimi) certificano la rinascita parziale di Yamaha, ma Rossi non sorride nell’unica sessione asciutta: il Dottore è 9° a 971 millesimi, alle spalle di Iannone, Bautista e Jack Miller, e non ha il ritmo sperato sin qui. C’è tutto il tempo per ribaltare la situazione, ma la seconda sessione bagnata non ha aiutato.

La forte pioggia, scemata nel finale delle prove, ha spinto i big a riposarsi: Dovizioso, Marquez e altri piloti di primo piano non hanno fatto registrare alcun tempo, altri invece sono usciti solo all’inizio delle FP2. Ne nasce così una classifica dimezzata: guida Dani Pedrosa col tempo di 1.48.136 con pista che andava asciugandosi, precedendo di 499 millesimi Redding, di 833 Petrucci e di 886 Miller, con Zarco quinto a 997 millesimi. Poi Syahrin, Smith, Simeon, Luthi e Guintoli (collaudatore Suzuki), con Rossi 14° a 6” davanti a Vinales: basta questo per far capire come sia stata affrontata questa sessione.

MOTO2: SCHROTTER GUIDA SUL BAGNATO, BAGNAIA TRA I PRIMI NELL’OVERALL– Anche in Moto2 il clima fa brutti scherzi: la sessione bagnata è la prima, con Bagnaia e Pasini che non fanno registrare tempi cronometrati. Guida così Marcel Schrotter col crono di 1.56.507 e 307 millesimi su Alex Marquez, che precede Odendaal (+0.550), Nagashima, Manzi e Miguel Oliveira (+0.913): completano la top-10 Pawi, Gardner jr, Lowes e Quartararo.

Nella sessione asciutta cambia tutto, ma c’è un leader a sorpresa: guida Iker Lecuona col crono di 1.52.159, precedendo Pecco Bagnaia di 119 millesimi e Augusto Fernandez di 237 millesimi: seguono Quartararo, Brad Binder, Oliveira (6° a 556 millesimi), Nagashima, Schrotter, Alex Marquez e Luca Marini. 16° Mattia Pasini a 1”4.

MOTO3: MARTIN IN CRISI, BEZZECCHI TENTERÀ LA RIMONTA– FP1 asciutte, FP2 bagnate: la Moto3 segue il copione della MotoGP, e ci dà risultati contrastanti. Su pista asciutta guida Kornfeil col crono di 1.57.740, precedendo di 108 millesimi un rinato Canet e di 338 millesimi Bastianini: seguono Dalla Porta, McPhee e Bezzecchi (6°, +0.472), che precede Oettl, Arbolino, Ramirez e Arenas: stupisce l’assenza nella top-10 di Jorge Martin e Fabio Di Giannantonio, che chiudono oltre il secondo di ritardo e in 16a e 18a posizione. Con queste premesse, Bezzecchi può tentare di accorciare nuovamente nel Mondiale, se le difficoltà dei due verranno confermate.

Anche perchè Bezzecchi vola sul bagnato, chiudendo primo col tempo di 2.05.403: secondo Di Giannantonio a 129 millesimi, terzo Canet a 197 millesimi davanti a Suzuki, Antonelli, Masia, Arbolino, Dalla Porta, Darryn Binder e Migno. 13° Bastianini a 1”2, nuovamente 16° Jorge Martin: lo spagnolo, ancora infortunato, non ”gira” neanche sul bagnato e chiude a 1”5.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *