W Series

55 nomi, dai quali usciranno le 18 partecipanti al nuovo campionato, che prenderà il via nel 2019: gli organizzatori delle W Series fanno sul serio, e hanno pubblicato una sorta di pre-lista delle possibili protagoniste di questa nuova serie motoristica. Ma in cosa consistono le W Series? Ve ne avevamo già parlato nei mesi scorsi, ma riproponiamo il tutto: questo campionato si propone una missione, quella di incrementare il numero di piloti al femminile nel motorsport. La vincitrice otterrà un premio di 500mila dollari per farsi strada nel mondo dei motori, e il montepremi complessivo è di 1.5mln di dollari. L’idea degli organizzatori è semplice (ma in un mondo nel quale la parola ”sessismo” viene usata spesso a sproposito, genererà polemiche) e facilmente riassumibile: non si può spingere per l’ingresso delle ragazze nel motorsport e in F1/F2/F3, senza aver prima dato una chance a tantissime giovani che vogliono guidare ad alto livello.

Le W Series non sono un modo per ”confinare” le giovani pilote all’interno di una serie solo femminile o per eliminarle dalle altre categorie (in GP3 ha corso Tatiana Calderon, in F3 Sophia Floersch), bensì una vetrina per dimostrare il proprio valore. Le 18 ragazze che faranno parte della prima edizione delle W Series verranno scelte in modo scrupoloso (senza paletti economici), e da una commissione tecnica di prim’ordine: Alex Wurz, David Coulthard, Adrian Newey, Dave Ryan (ex team manager di McLaren e Manor) e Matt Bishop (ex responsabile stampa di McLaren e noto giornalista), oltre a essere i promotori della neonata serie, saranno anche coloro che sceglieranno le partecipanti dopo averle testate in pista, al simulatore, nella loro preparazione fisica/atletica e nelle loro conoscenze tecniche delle vetture. Le 18 prescelte correranno nelle W Series, e riceveranno anche un addestramento di prim’ordine sulle tecniche di guida, sul lavoro al simulatore, sul rapporto con i tecnici, gli ingegneri di pista e i media, e sulla preparazione fisica: così facendo, quelle che già erano le migliori tra le 55 pre-selezionate cresceranno ulteriormente, avvicinandosi al livello necessario per competere ai massimi livelli. Le W Series vivranno a margine del DTM, con cui verrà creata una partnership, e disputeranno 6 gare: Hockenheim (5/5), Zolder (19/5), Misano Adriatico (9/6), Norisring (7/7), Assen (21/7) e Brands Hatch (11/8). Lo faranno guidando una Tatuus T-318 con specifiche da Formula 3. Ma quali sono le 55 preselezionate?

W SERIES: LE 55 CHE SI GIOCHERANNO LA PARTECIPAZIONE AL CAMPIONATO– Le modalità con cui sono state annunciate le 55 ragazze che si giocheranno il posto tra le 18 partecipanti alle W Series ricordano molto quelle dei talent show, ma la presenza di Alex Wurz e David Coulthard all’interno della giuria che le selezionerà riporta tutti alla serietà necessaria per affrontare questa nuova serie motoristica. E lo faranno anche alcuni dei nomi presenti nella maxi-lista. Innanzitutto partiamo dai volti italiani: Vicky Piria ha corso in GP3 e nella Porsche Carrera Cup, e ha una grande esperienza da tester, mentre Carlotta Fedeli (26 anni) ha corso nel TCR prima di fermarsi per la gravidanza. Tra gli altri nomi troviamo quello di Beitske Visser (vivaio Red Bull) e Carmen Jordà, che fu terza pilota di Lotus F1, oltre a quello di Jamie Chadwick che ha vinto il GT britannico: la entry list ufficiale di 18 ragazze verrà comunicata a gennaio dopo le prove che abbiamo citato poc’anzi.

Di seguito i nomi delle 55 che si giocheranno un sedile a bordo della Tatuus T-318 F3 (tra parentesi, le categorie in cui hanno corso).

Ayla Agren (Nor/25, Road to Indy e F1600)

Amna Al Qubaisi (Uae/18, F4 italiana)

Chelsea Angelo (Aus/22, Supercars Development Series)

Carmen Boix Gil (Spa/22, NASCAR Whelen Euro)

Sarah Bovy (Bel/29, Lamborghini Super Trofeo)

Toni Breidinger (Usa/19, USAC Midget, ARCA)

Ivana Cetinich (Rsa/22, Kart)

Jamie Chadwick (Gbr/20, F3 inglese e GT4 britannico)

Veronicka Cicha (Rce/31, Boss GP)

Sabre Cook (Usa/24, Road to Indy e F4 USA)

Courtney Crone (Usa/17, Formula Car Challenge)

Natalie Decker (Usa/21, ARCA)

Mira Erda (Ind/18, JK Tyre Championship)

Carlotta Fedeli (Ita/26, TCR)

Cassie Gannis (Usa/27, NASCAR)

Marta Garcia (Spa/18, F4 spagnola e Academy Renault)

Michelle Gatting (Den/24, Superturismo danese)

Angelique Germann (Ger/27, F3 austriaca)

Megan Gilkes (Can/17, F1200 canadese)

Samin Gomez (Col/26, GP3)

Grace Hui (Chn/27, Asian Formula Renault)

Michelle Halder (Ger/19, TCR Germany)

Esmeé Hawkey (Gbr/20, Porsche Carrera Cup GB)

Jessica Hawkins (Gbr/23, Mini Challenge)

Shea Holbrook (Usa/28, Lamborghini Super Trofeo)

Carmen Jordà (Spa/30, GP3)

Vivien Keszthely (Hun/17, Audi SS R8 Cup)

Emma Kimilainen (Fin/29, STCC)

Natalia Kowalska (Pol/28, F2)

Stephanie Kox (Hol/24, European GT4)

Miki Koyama (Jpn/21, F4 giapponese)

Fabienne Lanz (Rsa/32, kart)

Milla Makela (Fin/25, Formula Ford finlandese)

Alexandra Marinescu (Rom/18, F4 britannica)

Milou Mets (Hol/28, LMV8 Oval Series)

Sheena Monk (Usa/29, Lamborghini Super Trofeo)

Sarah Moore (Gbr/25, LMP3 nel WEC e Ginetta Junior)

Marylin Niederhauser (Ger/22, European GT4)

Tasmin Pepper (Rsa/28, VW Engen Polo Cup)

Vicky Piria (Ita/25, GP3 e F3)

Taegen Poles (Can/20, kart)

Alice Powell (Gbr/25, GP3 e vincitrice Formula Renault UK)

Charlotte Poynting (Aus/20, Aussie Racing Cars)

Naomi Schiff (Bel/24, Formula Renault 2.0 e European GT4)

Carrie Scheiner (Ger/20, Lamborghini Super Trofeo)

Sharon Scolari (Svi/23, Formula Renault 2.0)

Doreen Seidel (Ger/33, VW Scirocco e European GT4)

Siti Shahkirah (Mal/24, F4 asiatica)

Sneha Sharma (Ind/28, JK Tyre Championship)

Bruna Tomaselli (Bra/21, Road to Indy)

Shirley van der Lof (Hol/32, F3 tedesca)

Beitske Visser (Hol/23, Formula Renault 3.5 ed ex Red Bull Junior Programme)

Fabienne Wohlwend (Lie/21, Ferrari Europe)

Caitlin Wood (Aus/21, Blancpain GT Series)

Hanna Zellers (Usa/21, F4 USA e IMSA Prototype).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *