Citroen ha ingaggiato Sebastien Ogier per il 2019 e gli ha affiancato Esapekka Lappi, ma dovrà rinunciare alla terza vettura che quest’anno è stata condivisa da Breen e Loeb: ”colpa” dello sponsor Abu Dhabi, che ha deciso di interrompere l’attività nel WRC e ha fatto mancare il supporto economico necessario per approntare la terza C3 da schierare nel WRC 2019. Questa decisione ha avuto ripercussioni per Citroen, che avrà un’auto in meno per lottare per il titolo costruttori, ma soprattutto su Sebastien Loeb: l’alsaziano era rientrato per tre gare nel WRC, vincendo al terzo tentativo e nel Rally Catalunya, e sognava un impiego maggiore nella prossima stagione per andare oltre le 79 vittorie in carriera e dimostrare ulteriormente il suo enorme talento.

Non potrà farlo con Citroen, ma potrebbe farlo con un altro team: la decisione di Citroen, sommata all’addio di Peugeot alla Dakar (che Loeb disputerà da privato con PH Sport) e al Rallycross, rende di fatto Sebastien Loeb il più ambito dei free agent. E Malcolm Wilson ha avuto un’idea meravigliosa: sostituire il partente Ogier, che saluterà M-Sport dopo il sesto titolo mondiale consecutivo, con Loeb stesso. L’ipotesi è suggestiva, e potrebbe diventare realtà nelle prossime settimane: M-Sport al momento ha sotto contratto il solo Teemu Suninen, e dunque deve trovare i piloti per le altre due vetture. Il sogno è quello di ingaggiare Loeb per l’intero Mondiale e dare al 45enne la chance di centrare il 10° titolo WRC con la Ford Fiesta preparata dal team britannico, ma Loeb al momento è scettico riguardo all’ipotesi di disputare l’intera stagione.

I contatti, però, ci sono, ed è lo stesso Malcolm Wilson a confermarlo: ”Sarebbe davvero negligente non parlare con Loeb, visto che sembra esserci la possibilità di farlo correre con noi. Speriamo che sia davvero interessato a farlo. Sono sempre stato un suo grande fan, e nei tre rally disputati quest’anno abbiamo visto che è ancora velocissimo e ha grandi potenzialità: capisco che non voglia correre l’intera stagione WRC a 45 anni, ma proveremo a convincerlo o a trovare una soluzione adatta alle sue esigenze e alle nostre”.

Loeb era stato vicino a M-Sport quando non era ancora un team ”mondiale” (ha vinto due titoli con Ogier): al termine del 2005 Citroen abbandonò il WRC col team ufficiale, e prima di decidere di restare nel Mondiale con una Citroen preparata dal team Kronos e una struttura privata, Loeb provò proprio la Ford di M-Sport. Wilson ricorda così quell’episodio: ”Vederlo guidare la nostra auto era davvero fantastico. Sapevamo cosa voleva e sapevamo dove trovare i soldi per ingaggiarlo, ma alla fine scelse Citroen”. E chissà che il matrimonio tra Sebastien Loeb e M-Sport non possa celebrarsi nel 2019: il nove volte iridato WRC aveva fatto sapere di essere ”aperto a ogni possibilità e disciplina”, e presto scopriremo quale sarà il suo futuro. Nel mentre, M-Sport spera: sostituire il campione del mondo in carica con la leggenda dei rally sarebbe una gran mossa, a livello prestazionale e di marketing.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *