La notizia è arrivata nella serata di ieri dal Belgio, e ha sconvolto tutti gli appassionati di motocross: Stefan Everts, leggenda delle ruote tassellate, si trova in terapia intensiva nell’ospedale di Leuven ed è gravemente malato. Il belga, 10 volte iridato motocross e ribattezzato Mr. 875 perchè è stato capace di vincere in 125cc, 250cc e 500cc (la somma è 875), ha contratto la malaria durante un viaggio in Repubblica Democratica del Congo, e sta lottando per sopravvivere a una malattia che è fisicamente debilitante e molto difficile da estirpare: attualmente Everts viene curato all’ospedale UZ di Leuven, e si trova in coma farmacologico per poter combattere al meglio la malattia.

La famiglia ha chiesto di non essere disturbata durante questo periodo difficile, e speriamo di ricevere presto aggiornamenti positivi su Everts, al quale auguriamo una pronta e completa guarigione ed esprimiamo tutto il nostro sostegno: abbiamo ammirato le gesta della leggenda del motocross, e speriamo che SE72 possa tornare al più presto nel paddock, dove manca dall’addio di Suzuki al Mondiale Motocross. Le notizie su Stefan Everts arrivano esclusivamente dal Belgio, e ricostruiscono in modo puntuale la genesi della malattia: tre settimane fa il campione nato a Bree (46 anni) si era recato in Congo per partecipare alla 4 ore di Lubumbashi, gara benefica di durata che viene disputata nel paese.

Durante quel viaggio congolese, ha supportato vari progetti di beneficenza, tra i quali spicca la costruzione di una scuola per i bambini del luogo, e ha messo all’asta vari cimeli della sua fantastica carriera per raccogliere fondi: proprio tre settimane fa, purtroppo, Everts è stato punto dalla zanzara che trasmette la malaria, e all’inizio di questa settimana ha manifestato i primi sintomi, che hanno reso necessario il ricovero in ospedale (prima ad Hasselt, poi a Leuven), il trasferimento nel reparto di terapia intensiva e il coma indotto.

Auguriamo a Everts di riprendersi al più presto, e nel frattempo teniamo le dita incrociate.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *