Fernando Alonso, Formula 1 Abu Dhabi (Twitter)

Nella giornata di mercoledì, Fernando Alonso si era confidato col noto avventuriero e presentatore Jesus Calleja, autore tra le varie cose della scalata all’Everest e appassionato dei grandi rischi: Nando aveva svelato i suoi progetti futuri, dalla prosecuzione dell’impegno nel WEC con Toyota, alla partecipazione alla 24h di Daytona e alla 500 miglia di Indianapolis con McLaren, lasciando aperta una porta al ritorno in F1 nel 2020. Per tutta risposta, Calleja gli aveva proposto una nuova sfida futura: il conduttore e avventuriero disputerà la Dakar 2019 con una Toyota Hilux preparata dal team Overdrive, e allora perchè non suggerire a Nando di correre in futuro il rally-raid più famoso del mondo?

Alonso avrebbe accolto positivamente l’ipotesi, che comunque è futuribile e non attuabile nell’immediato: WEC e IndyCar occuperanno Alonso per l’intero 2019, un anno che potrebbe vederlo fare da tester per McLaren insieme a Sergio Sette Camara, mentre nel 2020 l’asturiano dovrà scegliere tra il tentativo di rientro in F1 (alla Mansell/Prost) e la prosecuzione dei progetti paralleli nel resto del motorsport (oppure un salto in Formula E). Insomma, la Dakar è un’idea per i prossimi anni, e quest’ipotesi viene anche confermata da una voce decisamente illustre.

Carlos Sainz sr. ha vinto la Dakar 2018 e tenterà il bis nel 2019, e oltre ad essere una leggenda del motorsport spagnolo, è anche un grande amico di Alonso. In una recente intervista, Sainz ha parlato anche della Dakar e di Alonso: ”Fernando mi ha parlato dell’idea-Dakar e io l’ho incoraggiato a provare a disputarla in futuro. Alonso non è stupido, e sa che questa gara va rispettata, chiunque tu sia. Si tratta di una specialità diversa e completamente nuova per lui, deve rispettarla e prepararsi in modo accurato. Se mi chiederà nuovamente consiglio, lo incoraggerò nuovamente, ma gli dirò di preparare tutto nei minimi dettagli, facendo dei test per capire ciò che andrà ad affrontare e disputando altri rally-raid per prepararsi e non arrivare qui dal nulla. Fernando Alonso non conosce il mondo dei rally, e sa benissimo che andare dalla Dakar non è lo stesso che correre a Le Mans o Indianapolis. Secondo me avrebbe le capacità per correre la Dakar, piloti come Ickx e Dumas l’hanno corsa e sono stati competitivi. Fernando è un grande pilota, sono sicuro che potrebbe disputare una Dakar superba, se dovesse prepararsi seriamente”.

Vedremo se la suggestione-Dakar resterà viva nella mente di Fernando Alonso, e porterà a qualcosa di concreto: la Dakar attrae molti campioni, e tra questi c’è anche Valentino Rossi, che non ha mai fatto mistero di volerla correre dopo il ritiro dalla MotoGP (in auto). Chissà che i due non facciano il loro debutto ”dakariano” nello stesso anno, aggiungendo ulteriore prestigio a una corsa che sta crescendo tantissimo dal punto di vista dei seguaci sui social e dell’organizzazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *