Claudio Bellina

La Dakar 2019 inizierà il prossimo 7 gennaio, ed è giunto il tempo di scoprire più da vicino i protagonisti italiani: tra qualche giorno ci concentreremo sui big al via, sui favoriti e sul percorso nel dettaglio, ma ora è tempo di pensare agli iscritti di casa nostra. Gli italiani al via saranno 13, e hanno tutti precedenti e storie interessanti. Partiremo dai più noti, per poi chiudere con quella che è forse la storia più bella della Dakar ”italiana”: partiremo dalle moto, per poi passare alle altre categorie e chiudere coi ”mostruosi” camion. Dopo Jacopo Cerutti, Maurizio Gerini, Mirko Pavan, Mirco Miotto, Gabriele Minelli ed Elio Aglioni (moto), Gianpaolo Bedin, Camelia Liparoti, Fabio Del Punta e Andrea Schiumarini (auto), passiamo ai camion: ecco a voi Claudio Bellina e il team Italtrans.

CLAUDIO BELLINA E ITALTRANS, IL RITORNO ALLA DAKAR– Il nome di Claudio Bellina non è nuovo per gli appassionati della Dakar: classe ’62, Bellina è un’autentica leggenda tra gli italiani che hanno preso parte al rally-raid più famoso del mondo. Vanta dieci partecipazioni alla Dakar, la più fruttuosa nel 2005 da copilota di Giacomo Vismara, conclusa col 3° posto. Il suo camion Ginaf è un’istituzione nel bivacco (miglior risultato, 10° posto), e mancava dal 2015, quando chiuse 26°. Claudio Bellina, che scherzosamente definisce il periodo della Dakar ”le sue vacanze”, gareggerà col suo copilota e partner storico Giulio Minelli, un uomo che vanta all’incirca 25 Dakar da protagonista: un duo esperto, al quale si aggiungerà un novizio, Bruno Gotti, proprietario della ”Bruno Moto Srl”, la più grande concessionaria di motociclette della Bergamasca (rivenditore ufficiale di Yamaha, Kawasaki, MV Agusta, Husqvarna, Beta e non solo. Gotti, appassionato dell’off-road e del deserto, debutterà alla Dakar al fianco di due esperti della Dakar africana e sudamericana.

Se il nome di Claudio Bellina non vi è nuovo, allora siete appassionati di MotoGP e Motomondiale: è il proprietario di Italtrans, compagnia nota per la sua esperienza nelle logistiche e nei trasporti, ma soprattutto per il team che ha corso in Moto2 e MotoGP. Gotti, appassionato dell’off-road e del deserto, debutterà alla Dakar al fianco di due esperti della Dakar africana e sudamericana. E, vista la sua presenza, il camion GINAF numero 524 verrà griffato da Italtrans, per una sfida tutta italiana: ”Abbiamo preparato al meglio questa sfida. Siccome affronteremo tantissima sabbia, il camion sarà più leggero e più potente. Al mio fianco – spiega Bellina – avrò Giulio Minelli, un favoloso navigatore e un grande amico. Con noi anche Bruno Gotti, che debutterà. Da quando la Dakar si è spostata in Sudamerica, il livello è cresciuto di anno in anno. Noi puntiamo a divertirci ed arrivare al traguardo a Lima il 17 gennaio”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *