Dakar 2019

Dopo una settima tappa ricca di emozioni per le auto e per le moto, la Dakar 2019 riparte da una frazione dura e destinata a generare nuovi ribaltoni: 576km da San Juan de Marcona a Pisco, con 361km di prova speciale che comprendono le temibili Dunas de Ica, che fecero tantissime vittime l’anno scorso. La tappa odierna ci regala una novità assoluta: scattano per prime le 10 migliori auto, le 10 migliori moto e i 5 migliori camion della tappa precedente, poi tutti gli altri. Duelli corpo a corpo dunque, che verranno ripetuti domani con l’ultima mass start della Dakar: la 9a tappa prevede un percorso circolare, 410km da Pisco a Pisco con tantissima sabbia e una prova speciale che sarà di 313km per tutti, tranne che per i camion (311km). Nel mentre, scopriamo cos’è successo quest’oggi.

AUTO: LOEB, QUARTA SINFONIA E NUOVA VITTORIA. AL-ATTIYAH ALLUNGA NELLA GENERALE– La Dakar delle auto è sempre più nelle mani di Nasser Al-Attiyah, anche se il principe del Qatar non ottiene una nuova vittoria di tappa. Il buon Nasser ha dalla sua la costanza di risultati e la capacità di non commettere errori, due doti che lo stanno facendo primeggiare su tutti gli avversari, insieme a quel pizzico di fortuna per restare lontano dai problemi tecnici che non guasta mai. E così, pur non vincendo le tappe, Al-Attiyah ”vince” sempre. Nella frazione odierna, inizialmente era partito forte Carlos Sainz, che dopo essere uscito dalla lotta-vittoria vuole lasciare il segno nella Dakar con un successo di tappa: missione fallita, visto che dopo aver ottenuto il miglior tempo nei primi due check-point, lo spagnolo è rimasto bloccato nella sabbia e ha chiuso la sua tappa con un’ora e mezza di ritardo. Destino condiviso da Cyril Despres, in quella che è nel complesso una giornataccia per Mini: anche Stephane Peterhansel si perde per strada, chiudendo a mezz’ora dal vincitore odierno e uscendo nuovamente dal podio virtuale. Un podio virtuale che riaccoglie Sebastien Loeb: il francese non partiva in massa coi migliori dieci, e dunque è arrivato un’oretta buona dopo i rivali, proprio quando la vittoria di tappa sembrava già andata a Nasser Al-Attiyah. Nulla da fare per il qatariota, visto che Loeb è stato più forte di tutto e tutti: il francese ha dimostrato nuovamente agli avversari che è il più forte nella velocità pura di questa Dakar, e senza errori/problemi tecnici, sarebbe saldamente in testa. Quest’oggi ha ottenuto la quarta vittoria di tappa (su otto), e l’ha fatto a modo suo: spingendo a tavoletta e aumentando costantemente il vantaggio, come se si trattasse di una qualsiasi speciale del Mondiale rally.

Vittoria a Sebastien Loeb dunque, che precede di 7’27” Nasser Al-Attiyah: alle spalle del principe del Qatar, Jakub Przygonski (Mini) che chiude a 15’15” e vince il duello per il podio di tappa con De Villiers (15’55’) e Nani Roma (15’57”). Ottava piazza di giornata per Stephane Peterhansel, che vive un’altra giornataccia (restando bloccato due volte nelle dune per errori propri), come si diceva poc’anzi: chiude a 31’41”, perdendo 24’14” da Al-Attiyah e dicendo addio alla vittoria finale. Giornata-no anche per Despres e Sainz, entrambi oltre l’ora di ritardo, ma soprattutto per Bernhard ten Brinke: rimane bloccato nelle dune, uscendo dalla top-10 della generale. Una classifica generale che vede Nasser Al-Attiyah prendere definitivamente il largo: il qatariota guida con 46”29” su Nani Roma e 46’45” su Sebastien Loeb, con Stephane Peterhansel quarto a 53’30”. Questi tre piloti si giocheranno il podio. Devono ancora arrivare, invece, gli italiani Camelia Liparoti e Andrea Schiumarini.

Dakar 2019, auto: La classifica di tappa- 1) Sebastien Loeb (Fra/Peugeot Ph Sport) in 3h54’53”, 2) Nasser Al-Attiyah (Qat/Toyota) a 7’27”, 3) Jakub Przygonski (Pol/Mini) a 15’15”, 4) Giniel De Villiers (Rsa/Toyota) a 15’55”, 5) Nani Roma (Spa/Mini) a 15’57”, 6) Yazeed Alrajhi (Ksa/Mini) a 22’51”, 7) Martin Prokop (Rce/Ford) a 28’36”, 8) Stephane Peterhansel (Fra/Mini) a 31’41”, 9) Pierre Lachaume (Fra/Peugeot Ph Sport) a 36’22”, 10) Ronan Chabot (Fra/Toyota Overdrive) a 41’16”, 16) Cyril Despres (Fra/Mini) a 1h02’53”, 17) Carlos Sainz (Spa/Mini) a 1h34’11”.

Gli italiani: in aggiornamento.

Dakar 2019, auto: La classifica generale dopo l’8a tappa- 1) Nasser Al-Attiyah (Qat/Toyota) in 29h15’50”, 2) Nani Roma (Spa/Mini) a 46’29”, 3) Sebastien Loeb (Fra/Peugeot Ph Sport) a 46’45”, 4) Stephane Peterhansel (Fra/Mini) a 53’30”, 5) Cyril Despres (Fra/Mini) a 2h15’27”, 6) Jakub Przygonski (Pol/Mini) a 2h19’50”, 7) Martin Prokop (Rce/Ford) a 2h56’07”, 8) Yazeed Alrajhi (Ksa/Mini) a 3h54’57”, 9) Carlos Sainz (Spa/Mini) a 6h42’15”, 10) Giniel De Villiers (Rsa/Toyota) a 7h01’01” (pen. 4′).

Gli italiani: in aggiornamento.

QUAD: 7 SU 8 PER NICOLAS CAVIGLIASSO– Ormai raccontare la Dakar dei quad sta diventando un esercizio di monotonia. Stavolta Nicolas Cavigliasso non lascia neppure le briciole ai suoi rivali, restando in testa dal primo all’ultimo metro della prova speciale odierna: si parte con un vantaggio di 4’30”, aumentato fino a 15′, per poi rallentare nel finale. La vittoria, la 7a in otto tappe, è sua con un vantaggio di 9’10” su Gallego e 9’16” su Gonzalez Ferioli: il vantaggio nella generale sale a 1h24′ su quest’ultimo. Dakar dominata.

Dakar 2019, quad: La classifica di tappa- 1) Nicolas Cavigliasso (Arg/Yamaha) in 5h18’53”, 2) Gustavo Gallego (Arg/Yamaha) a 9’10”, 3) Jeremias Gonzalez Ferioli (Arg/Yamaha) a 9’16”, 4) Alexandre Giroud (Fra/Yamaha) a 9’52”, 5) Manuel Andujar (Arg/Yamaha) a 24’42”.

Dakar 2019, quad: La classifica generale dopo l’8a tappa- 1) Nicolas Cavigliasso (Arg/Yamaha) in 36h35’51”, 2) Jeremias Gonzalez Ferioli (Arg/Yamaha) a 1h24’52” (pen. 1′), 3) Gustavo Gallego (Arg/Yamaha) a 1h47’49” (pen. 3′).

CAMION: SOTNIKOV RIBALTA LA DAKAR, NIKOLAEV PERDE QUASI UN’ORA– Ribaltone inatteso nella Dakar dei camion. Proprio quando Eduard Nikolaev sembrava aver fatto lo scatto decisivo, ecco che cambia tutto. Il merito non è degli Iveco, che pure avevano approcciato la tappa nel migliore dei modi con van den Heuvel, ma della guerra interna tra i Kamaz: mentre Nikolaev resta fermo per parecchi minuti nelle dune e segue il destino di Sainz, Despres e ten Brinke nelle auto (uscendone solo grazie all’aiuto del pubblico: più difficile per van den Heuvel, ribaltato nelle dune), Dmitry Sotnikov disputa una frazione dalla rara velocità. Il russo non partiva tra i primi cinque camion, e come Loeb nelle auto ha saputo evitare gli errori altrui: Sotnikov è riuscito a ”volare” nelle dune, e conquistare la vittoria di tappa. Una vittoria che è schiacciante: il russo chiude con 23’13” su Viazovich e 25’09” su Gerard de Rooy, con Nikolaev sesto a 59’43”. E così, la classifica generale dei camion vive l’ennesimo scossone: ora guida Sotnikov, con 26’49” su Nikolaev e 1h07’43” su de Rooy. La Dakar parlerà ancora russo? Lo scopriremo, e nel mentre deve ancora arrivare il nostro Claudio Bellina.

Dakar 2019, camion: La classifica di tappa- 1) Dmitry Sotnikov (Rus/Kamaz) in 4h38’06”, 2) Sergey Viazovich (Blr/Maz) a 23’13”, 3) Gerard de Rooy (Hol/Iveco) a 25’09”, 4) Federico Villagra (Arg/Iveco) a 27’06”, 5) Janus van Kasteren (Hol/Renault Trucks) a 45’01”, 6) Eduard Nikolaev (Rus/Kamaz) a 59’43”, 9) Ton van Genugten (Hol/Iveco) a 1h01’53”.

Gli italiani: in aggiornamento.

Dakar 2019, camion: La classifica generale dopo l’8a tappa- 1) Dmitry Sotnikov (Rus/Kamaz) in 35h01’35”, 2) Eduard Nikolaev (Rus/Kamaz) a 26’49”, 3) Gerard de Rooy (Hol/Iveco) a 1h07’43”, 4) Federico Villagra (Arg/Iveco) a 4h’09’27”, 5) Ales Loprais (Rce/Tatra) a 5h45’44”.

Gli italiani: in aggiornamento.

SxS: CHALECO LOPEZ VINCE E CONQUISTA LA VETTA DELLA GENERALE– Nuovo (ultimo?) colpo di scena nella Dakar dei veicoli SxS: il leader stamattina era il brasiliano Reinaldo Varela, vincitore della scorsa edizione, ma resta fermo per più di un’ora nelle dune dopo 100km di prova speciale. E così, il tutto va a vantaggio del Chaleco Francisco Lopez Contardo, che conquista una nuova vittoria di tappa (terza consecutiva) e sale a quota 4: il successo odierno arriva con 4’47” sul brasiliano Baumgart e 10’04” su Farres Guell, che precede Rodrigo Moreno e Currie. 11° posto per Reinaldo Varela, che chiude a un’ora e mezza dal vincitore: ora Chaleco Lopez guida la generale, con 54’10” di vantaggio su Moreno Piazzoli e oltre un’ora su Farres. La Dakar dei SxS sembra aver trovato il suo padrone, ma in questa classe succede di tutto.

Dakar 2019, SxS: La classifica di tappa- 1) Francisco Lopez Contardo (Chi/Can-Am) in 4h38’34”, 2) Cristian Baumgart (Bra/Can-Am) a 4’47”, 3) Gerard Farres Guell (Spa/Can-Am) a 10’04”, 4) Rodrigo Moreno (Chi/Can-Am) a 12’47”, 5) Casey Currie (Usa/Can-Am) a 14’35”, 11) Reinaldo Varela (Bra/Can-Am) a 1h26’58”.

Dakar 2019, SxS: La classifica generale dopo l’8a tappa- 1) Francisco Lopez Contardo (Chi/Can-Am) in 36h16’18”, 2) Rodrigo Moreno (Chi/Can-Am) a 54’10”, 3) Gerard Farres Guell (Spa/Can-Am) a 1h08’09”, 4) Reinaldo Varela (Bra/Can-Am) a 1h22’55”, 5) Casey Currie (Usa/Can-Am) a 2h03’30” (pen. 20′).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *