Dakar 2019

So this ends. Dopo dieci tappe al cardiopalma, e undici giorni (compreso il riposo) in cui è successo davvero di tutto, la Dakar 2019 si è conclusa con l’ultima tappa e il tanto atteso arrivo a Lima: l’ultima frazione partiva da Pisco, e arrivava nella capitale dopo 358km complessivi e 112km di prova speciale cronometrata nelle dune. E aveva una particolarità: in ogni classe sono partiti per primi gli ultimi della generale, per ultimi i big, così da generare suspense là dove la vittoria finale era ancora in bilico. E, alla fine della Dakar 2019, abbiamo i vincitori: esultano Toby Price (moto), Nasser Al-Attiyah (auto), Nicolas Cavigliasso (quad), Francisco Lopez Contardo detto Chaleco (SxS) ed Eduard Nikolaev (camion). Andiamo a scoprire cos’è successo nella frazione odierna.

MOTO: TOBY PRICE VINCE LA DAKAR 2019, CHE IMPRESA! QUINTANILLA GIÙ DAL PODIO– La particolare conformazione della tappa odierna crea grande attesa, visto che i big partono per ultimi. E così, mentre Pablo Quintanilla e Toby Price trovano le necessarie energie per giocarsi la Dakar, visto che sono separati di 1’02” nella generale, altri prendono inizialmente la scena: Kevin Benavides è il primo a stampare un tempo rilevante, venendo superato da Sam Sunderland prima e da Ignacio Cornejo. E il risultato del britannico acquista improvvisamente importanza, perchè le sue spiegazioni (problema elettrico che ha causato il ritardo nella partenza) sono state accolte dalla direzione-gara, che gli toglie la penalizzazione di un’ora e lo rimette nella lotta per il podio. Un podio che subisce stravolgimenti, ma non per il primo posto: Toby Price aveva detto a più riprese che l’arrivo nella top-3 sarebbe stato un’impresa, e che avrebbe affrontato questa tappa con serenità, vedendo dove sarebbe arrivato: probabilmente ci ha preso in giro, perchè non appena ha iniziato la sua prova speciale si è capito che aveva in testa una sola idea. Vincere e blindare il successo nella Dakar 2019: ci è riuscito, precedendo nella tappa odierna Ignacio Cornejo (2’21”) e Matthias Walkner, che sale al secondo posto nella generale: esatto, perchè Pablo Quintanilla ha vissuto una tappa da incubo, iniziata con una caduta sulle dune e conclusa con un piede infortunato, e 19’44” di ritardo. Così facendo, complice il rientro in gara di Sam Sunderland, addio podio: una grande delusione per il cileno, passato dalla lotta-vittoria al 4° posto. La Dakar è anche questo, sofferenza: anche per Michael Metge, che dopo aver vinto ieri chiude ultimo a 2h e mezza.

La classifica finale della Dakar 2019 vede così Toby Price in testa ed esultante, visto che ha conquistato il secondo successo (2016 e 2019) con un polso rotto e dopo una gara sofferta e vissuta sempre con grande attenzione e grande ritmo, che vale tra l’altro il 18° successo consecutivo nelle moto per KTM, che occupa tutto il podio: Price, che dovrà ”pagare” la scommessa fatta con Laia Sanz (taglio della treccia stile-Palacio se lui fosse arrivato in top-5, bacio per 10” se lei fosse arrivata in top-15: si sono avverate entrambe le cose), chiude con 9’13” su Matthias Walkner e 13’34” su Sam Sunderland. Quarto Quintanilla a 20’46”, con Short ottimo quinto a precedere i vari De Soultrait, Cornejo, Luciano Benavides, Mena e Nosiglia. 12° Kevin Benavides davanti al miglior rookie (Ross Branch, Botswana), ottimo 14° il nostro Maurizio Gerini, che chiude nella top-15 durante la sua seconda Dakar e vince la classe Marathon: Dakar solida e di assoluto valore per il pilota del team Solarys Racing, che ricorderà a lungo quest’edizione. Arrivano al traguardo anche Mirko Pavan e Gabriele Minelli, che chiudono la Dakar rispettivamente in 54a e 73a posizione (39° e 65° di tappa).

Dakar 2019, moto: La classifica della 10a tappa- 1) Toby Price (Aus/KTM) in 1h14’01”, 2) Ignacio Cornejo (Chi/Honda) a 2’21”, 3) Matthias Walkner (Aut/KTM) a 2’38”, 4) Sam Sunderland (Gbr/KTM) a 3’19”, 5) Luciano Benavides (Arg/KTM) a 3’20”, 6) Kevin Benavides (Arg/Honda) a 3’59”, 7) Andrew Short (Usa/Husqvarna) a 4’09”, 8) Xavier De Soultrait (Fra/Yamaha) a 6’16”, 9) Daniel Nosiglia (Bol/Honda) a 10’02”, 10) Sebastian Buhler (Ger/KTM) a 11’23”, 22) Pablo Quintanilla (Chi/Husqvarna) a 19’44”.

Gli italiani: 16) Maurizio Gerini (Husqvarna Solarys Racing) a 15’59”, 39) Mirko Pavan (Beta NSM Racing) a 33’03”, 65) Gabriele Minelli (KTM Pedregà Racing) a 58’14”.

Dakar 2019, moto: La classifica finale- 1) Toby Price (Aus/KTM) in 33h57’16” (pen. 1’33”), 2) Matthias Walkner (Aut/KTM) a 9’13” (pen. 3′), 3) Sam Sunderland (Gbr/KTM) a 13’34” (pen. 2′), 4) Pablo Quintanilla (Chi/Husqvarna) a 20’46”, 5) Andrew Short (Usa/Husqvarna) a 44’10”, 6) Xavier De Soultrait (Fra/Yamaha) a 54’00” (pen. 1′), 7) Ignacio Cornejo (Chi/Honda) a 1h08’06” (pen. 15′), 8) Luciano Benavides (Arg/KTM) a 1h09’10”, 9) Oriol Mena (Spa/Hero Speedbrain) a 2h08’41”, 10) Daniel Nosiglia (Bol/Honda) a 2h31’53”, 12) Kevin Benavides (Arg/Honda) a 3h41’14” (pen. 3h15′).

Gli italiani: 14) Maurizio Gerini (Husqvarna Solarys Racing) a 4h28’41” (pen. 3′), 54) Mirko Pavan (Beta NSM Racing) a 23h58’51” (pen. 4h22′), 73) Gabriele Minelli (KTM Pedregà Racing) a 45h04’50” (pen. 11h40′). 

AUTO: TAPPA A SAINZ, VINCE AL-ATTIYAHCarlos Sainz voleva chiudere la sua Dakar, costellata dalla sfortuna e dagli errori, con una vittoria. Non ci era riuscito fino a ieri, ce l’ha fatta oggi, conquistando l’ultima frazione del rally-raid: lo spagnolo ha tenuto un ritmo imbattibile per gli altri, riuscendo a precedere di 42” lo scatenato Sebastien Loeb, che ha dato tutto per conquistare l’ultima frazione, senza riuscirci. Terzo di giornata Cyril Despres, mentre Nasser Al-Attiyah si è contenuto e ha chiuso tranquillamente a nove minuti, senza forzare per evitare guai alla sua Toyota Hilux. Toyota Hilux che ha avuto problemi con De Villiers: il sudafricano è arrivato a un’ora, fermandosi sul tracciato 51 minuti per proteggere Al-Attiyah nella sua corsa verso l’arrivo di Lima.

Il qatariota ha però ottenuto la gioia più grande: ha vinto la terza Dakar della sua carriera, mantenendo la ”regola dei quattro anni” (2011, 2015, 2019) e vincendo con tre marchi diversi (Volkswagen, Mini, Toyota). Chiude davanti a Nani Roma (46’42”) e Sebastien Loeb (1h54’18”): arrivano alla fine della Dakar 2019 anche i nostri Camelia Liparoti e Andrea Schiumarini, che hanno disputato un’ottima tappa e potranno fregiarsi del titolo di dakariani. Liparoti chiude 38a nella generale, Schiumarini 54° dopo una Dakar vissuta con un unico obiettivo: arrivare a Lima, godendosi al massimo l’esperienza.

Dakar 2019, auto: La classifica della 10a tappa- 1) Carlos Sainz (Spa/Mini) in 1h20’01”, 2) Sebastien Loeb (Fra/Peugeot Ph Sport) a 42”, 3) Cyril Despres (Fra/Mini) a 2’31”, 4) Benediktas Vanagas (Lit/Toyota) a 3’38”, 5) Jakub Przygonski (Pol/Mini) a 3’41”, 6) Nani Roma (Spa/Mini) a 4’16”, 7) Boris Garafulic (Chi/Mini) a 5’53”, 8) Pascal Lachaume (Fra/Peugeot Ph Sport) a 6’22”, 9) Ronan Chabot (Fra/Toyota Overdrive) a 7’13”, 10) Nicolas Fuchs (Per/Proto) a 8’13”, 12) Nasser Al-Attiyah (Qat/Toyota) a 9’01”.

Gli italiani: 33) Camelia Liparoti (Yamaha) a 41’40”, 46) Andrea Schiumarini (Ford Raptor) a 1h12’12”.

Dakar 2019, auto: La classifica finale- 1) Nasser Al-Attiyah (Qat/Toyota) in 34h38’14’‘, 2) Nani Roma (Spa/Mini) a 46’42”, 3) Sebastien Loeb (Fra/Peugeot Ph Sport) a 1h54’18”, 4) Jakub Przygonski (Pol/Mini) a 2h28’31”, 5) Cyril Despres (Fra/Mini) a 2h48’43”, 6) Martin Prokop (Rce/Ford) a 3h19’02”, 7) Yazeed Alrajhi (Ksa/Mini) a 4h30’56”, 8) Boris Garafulic (Chi/Mini) a 7h57’58” (pen. 1h), 9) Giniel De Villiers (Rsa/Toyota) a 7h59’16” (pen. 4′), 10) Ronan Chabot (Fra/Toyota Overdrive) a 8h09’58” (pen. 4′), 13) Carlos Sainz (Spa/Mini) a 9h51’46” (pen. 2h59’59”).

Gli italiani: 38) Camelia Liparoti (Yamaha) a 35h04’23”, 54) Andrea Schiumarini (Ford Raptor) a 116h04’40” (pen. 27h42’25”).

QUAD: OTTAVA SINFONIA PER CAVIGLIASSO- Ieri il re dei quad si era contenuto, ma oggi proprio non ce l’ha fatta: Nicolas Cavigliasso non è riuscito a trattenersi, e ha dominato la frazione odierna, chiudendo con 5’22” su Giroud e 6’13” su Gonzalez Ferioli. Ottava vittoria di tappa (su 10!) per l’argentino, che conquista la Dakar alla sua seconda partecipazione nei quad, e lo fa in maniera ”bulgara”: 1h55′ di vantaggio sul secondo, più di due ore sul terzo. Un dominio assoluto.

Dakar 2019, quad: La classifica della 10a tappa- 1) Nicolas Cavigliasso (Arg/Yamaha) in 1h48’38”, 2) Alexandre Giroud (Fra/Yamaha) a 5’22”, 3) Jeremias Gonzalez Ferioli (Arg/Yamaha) a 6’13”, 4) Manuel Andujar (Arg/Yamaha) a 6’42’, 5) Gustavo Gallego (Arg/Yamaha) a 7’15”.

Dakar 2019, quad: La classifica finale 1) Nicolas Cavigliasso (Arg/Yamaha) in 43h01’54”, 2) Jeremias Gonzalez Ferioli (Arg/Yamaha) a 1h55’37” (pen. 1′), 3) Gustavo Gallego (Arg/Yamaha) a 2h11’48” (pen. 3′), 4) Alexandre Giroud (Fra/Yamaha) a 4h02’41” (pen. 7′), 5) Manuel Andujar (Arg/Yamaha) a 6h38’10” (pen. 2’30”).

SxS: TAPPA A VARELA, CHALECO LOPEZ FESTEGGIAReinaldo Varela non si è ripetuto, ma ha comunque chiuso in bellezza la sua Dakar, vincendo le ultime due tappe dell’edizione 2019: un successo che non lo ripaga del titolo perso, ma sicuramente gli darà ulteriore slancio in vista della prossima edizione. Varela vince la 10a tappa con 3’39” sul connazionale Baumgart, e 6’10” sul Chaleco Lopez, che può festeggiare: l’ex motociclista, due podi sulle due ruote prima di una lunga assenza dalla Dakar, conquista la vittoria nei side-by-side alla sua prima partecipazione, dopo aver vinto 4 tappe e dimostrato un gran passo. Vince con 1h02” sul secondo, Gerard Farres Guell, a sua volta ex motociclista.

Dakar 2019, SxS: La classifica della 10a tappa- 1) Reinaldo Varela (Bra/Can-Am) in 1h25’09”, 2) Cristian Baumgart (Bra/Can-Am) a 3’39”, 3) Francisco Lopez Contardo (Chi/Can-Am) a 6’10”, 4) Ricardo Porem (Por/Can-Am) a 6’25”, 5) Gerard Farres Guell (Spa/Can-Am) a 8’59”.

Dakar 2019, SxS: La classifica finale- 1) Francisco ”Chaleco” Lopez Contardo (Chi/Can-Am) in 42h19’15”, 2) Gerard Farres Guell (Spa/Can-Am) a 1h02’35”, 3) Reinaldo Varela (Bra/Can-Am) a 1h05’19”, 4) Casey Currie (Usa/Can-Am) a 2h32’51” (pen. 20′), 5) Rodrigo Moreno (Chi/Can-Am) a 3h10’25” (pen. 20′).

CAMION: VAN GENUGTEN VINCE L’ULTIMA FRAZIONE, NIKOLAEV FA POKER– Il successo parziale nell’ultima tappa dei camion va a un Iveco, la vittoria finale a un Kamaz. Il più veloce quest’oggi è Ton van Genugten, che conquista la seconda vittoria di tappa, in una Dakar che l’ha visto compromettere presto la sua classifica: chiude con 3’11” su Loprais e 5’23” su Sotnikov, mentre Nikolaev chiude comodamente a otto minuti. Il russo, col suo Kamaz, conquista però il successo finale con 25′ su Sotnikov e 1h34” su Gerard de Rooy: per Eduard Nikolaev questa è la quarta vittoria nella Dakar (2013, 2017, 2018, 2019), la terza consecutiva: è lui il dominatore nei camion. Ritirato in extremis Claudio Bellina: non compare tra gli arrivati al termine della Dakar.

Dakar 2019, camion: La classifica della 10a tappa- 1) Ton van Genugten (Hol/Iveco) in 1h28’21”, 2) Ales Loprais (Rce/Tatra) a 3’11”, 3) Dmitry Sotnikov (Rus/Kamaz) a 5’23”, 4) Maurik van den Heuvel (Hol/Iveco) a 6’05”, 5) Gerard de Rooy (Hol/Iveco) a 7’56”, 6) Eduard Nikolaev (Rus/Kamaz) a 8’22”.

Dakar 2019, camion: La classifica finale- 1) Eduard Nikolaev (Rus/Kamaz) in 41h01’35”, 2) Dmitry Sotnikov (Rus/Kamaz) a 25’36”, 3) Gerard de Rooy (Hol/Iveco) a 1h34’44”, 4) Federico Villagra (Arg/Iveco) a 5h49’08” (pen. 15′), 5) Ales Loprais (Rce/Tatra) a 5h59’51”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *