Dopo qualche settimana di pausa, rieccoci con la Formula E, che vive il terzo appuntamento della Season 5, l’anno dove tutto è cambiato: vetture Gen2, più veloci e senza bisogno di cambiare auto a metà gara, nuovi regolamenti e nuovi piloti/costruttori. Dopo Ad Diriyah, che ha sancito il trionfo di BMW, c’è stata Marrakech che ha rimescolato ulteriormente le carte: le due BMW si sono fatte fuori da sole, mentre le Techeetah hanno rimontato dal fondo dopo un incidente alla prima curva, e così ha vinto Jerome D’Ambrosio, che ora guida il Mondiale. A Santiago, però, tutto può cambiare: ecco la presentazione dell’e-Prix cileno.

E-PRIX SANTIAGO, UN NUOVO CIRCUITO– L’e-Prix di Santiago de Chile ha mantenuto la sponsorizzazione da parte delle miniere di Antofagasta, ma ha cambiato tutto il resto. Per motivi logistici legati alla viabilità della città e alle polemiche del 2018 riguardo ai danni causati al tratto in pavè nel centro città e nel parco (ve l’avevamo raccontato qui), si è deciso di non sfruttare più il circuito all’interno del Parco Forestale, ma un’altra zona della città. Si correrà al centro dell’O’Higgins Park, uno dei motori della Santiago del Chile ”giovane”: nella fattispecie, si correrà attorno alla Movistar Arena, teatro di numerosi concerti avvenuti nella capitale cilena (17mila posti). Il tracciato, lungo 2.407m, ha mantenuto la forma a D rovesciata, e presenta 14 curve: nove curve a sinistra e cinque a destra, con due lunghi curvoni veloci e tre curve lente nella seconda parte. I rettilinei saranno due e consentiranno sorpassi, come li consentirà la esse che separa i due curvoni: sarà un tracciato impegnativo e veramente difficile, che può spingere all’errore. Sarà interessante capire dove verrà piazzata l’attack-mode.

Il circuito di Santiago

FORMULA E, E-PRIX SANTIAGO: QUANTI POSSIBILI PROTAGONISTI!– Sulla carta, senza penalizzazioni o sbagli di sorta, dovremmo assistere a un duello tra le due scuderie più in forma dell’avvio di stagione: BMW e Techeetah hanno dimostrato di essere un passo avanti rispetto a tutti sia in termini di velocità che di affidabilità. E soprattutto, ha dimostrato di esserlo la stessa Techeetah: senza problemi o rimonte da effettuare, probabilmente Vergne e Lotterer avrebbero centrato almeno una doppietta. Dunque ci aspettiamo un JEV all’attacco qui a Santiago de Chile, per riprendersi la vetta della classifica generale: Antonio Felix da Costa ha la stessa idea, dopo il botto di Marrakech. A mettersi in mezzo tra i due, ci sarà Jerome D’Ambrosio con una Mahindra davvero sorprendente: il belga è il protagonista inatteso d’inizio stagione, e ci ricorda il Rosenqvist d’inizio 2017-18. Ci aspettiamo molto anche da Audi, che sin qui ha vissuto una stagione anonima: Di Grassi e Abt sono chiamati a raddrizzare subito la stagione per evitare di vivere un’altra annata di rincorsa. Cercheranno il primo piazzamento a punti, invece, Vandoorne e Massa: sin qui sono stati i più deludenti in questa Season 5. Grande attesa, insomma, per la gara di domani.

E-PRIX SANTIAGO, GLI ORARI– C’è un fuso orario di quattro ore tra l’Italia e il Cile. Le prime libere saranno alle 12 italiane (8 cilene), le seconde alle 14.15: entrambe le sessioni saranno visibili solo sul Facebook/Youtube della Formula E. Le qualifiche, invece, saranno alle 16, con la Superpole alle 16.45: non ci sono dettagli sulla trasmissione live di questa sessione, che verrà trasmessa in sintesi e in differita alle 19.30 su Eurosport 1. Eurosport 1 trasmetterà la gara in diretta dalle 20, mentre Mediaset la manderà live solo sul sito Sportmediaset.it: chi volesse vederla in chiaro, dovrà aspettare le 23.15 per la differita su Italia 1 e Italia 2. Mentre aspettiamo, godiamoci un giro sul nuovo circuito di Santiago de Chile.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *