La Formula E continua ad evolversi col passare degli anni: la Season 5 ha portato in dote piloti di blasone, auto più veloci e profondamente rinnovate (le Gen2) e nuovi regolamenti, ma l’evoluzione del campionato elettrico non si fermerà qui. Abbiamo assistito a soli tre e-Prix dell’attuale stagione, ma si parla già della prossima: la Season 6 ci farà assistere all’ingresso di Porsche e Mercedes (nel 2021 potrebbe toccare a Ford), e potrebbe anche regalarci la prima gara in notturna nella storia del campionato.

Si sta discutendo di quest’eventualità, che garantirebbe ulteriore spettacolarità a un campionato, e che potrebbe presto essere ufficializzata. La prima gara notturna della Formula E verrebbe disputata nel weekend inaugurale di Ad Diriyah, visto che la gara d’apertura resterà in Arabia Saudita e nella città vecchia di Riyadh: se l’esperimento darà gli effetti sperati, dal 2019-20 in poi la prima gara della Formula E sarà sempre in notturna. C’è già una prima idea riguardo alle date di questo appuntamento, che potrebbe essere il 6 dicembre: Riyadh ospiterebbe due gare, una notturna il 6 dicembre e una ”diurna” il giorno seguente, ”riempiendo” così il weekend islamico, che scatta dal venerdì e vede la domenica già come giorno lavorativo.

Così facendo, la gara d’apertura della FE andrebbe a incastrarsi alla perfezione tra il GP di Abu Dhabi 2019 e la 6h del Bahrain (WEC): l’idea di una gara notturna frulla nella testa di Alejandro Agag da mesi, e potrebbe presto diventare realtà. L’illuminazione verrebbe garantita da Enel, e questo fatto, sommato all’Halo illuminato della FE, garantirebbe spettacolo e ulteriori emozioni: la Formula E avrebbe già parlato dell’eventualità con team e piloti, ricevendo riscontri positivi praticamente da tutte le parti in causa. In particolare, Sims e Abt hanno definito l’ipotesi di gareggiare con luce artificiale e in notturna ”semplicemente fantastica”. E dunque, presto potrebbe arrivare l’annuncio della prima gara notturna in Formula E: attendiamo sviluppi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *