MotoE

Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato dell’incendio che ha scosso la MotoE: nella notte le moto Energica, che avrebbero dovuto prendere parte al primo campionato elettrico su due ruote, avevano preso fuoco per cause ignote, venendo completamente distrutte insieme alla struttura che faceva da box e postazione di ricarica delle batterie. Si era a lungo dibattuto sulle cause, tirando in mezzo anche una possibile malconservazione delle batterie al litio, ma Dorna ha subito parlato di un ”cortocircuito” come causa scatenante dell’incendio, spegnendo il caso e rassicurando tutti.

Nei pressi della struttura erano alloggiati infatti anche i piloti, che per fortuna non sono rimasti coinvolti e/o feriti nell’incendio scoppiato a Jerez. Un incendio che però ha avuto e avrà delle conseguenze: sono stati subito cancellati i test previsti per lo scorso weekend, visto che le 18 moto erano andate completamente distrutte, e anche le prove di aprile, ma non solo. Vista l’impossibilità di fare test pre-season, dopo la sessione disputata al termine della stagione 2018 della MotoGP, Dorna si è vista costretta a cancellare il debutto della MotoE a Jerez e, notizia di oggi, anche la seconda gara stagionale a Le Mans. Saltano due gare per la categoria elettrica, visto che è impossibile ricostruire le moto e disputare dei test entro un mese e mezzo: serve più tempo a MotoE ed Energica, e dunque l’avvio del campionato dovrebbe slittare a giugno-luglio. Al momento non si parla di una cancellazione dell’intera stagione, anche se ulteriori ritardi potrebbero far slittare il debutto elettrico al 2020, con tutte le conseguenze del caso per quei piloti che hanno deciso di puntare su questa nuova serie motoristica.

Al momento, la MotoE mantiene quattro gare: il 7 luglio al Sachsenring, l’11 agosto al Red Bull Ring, il 14-15 settembre a Misano Adriatico col classico closer a due tappe tipico anche della Formula E. Stando alle indiscrezioni, per scongiurare un campionato con quattro gare, si potrebbero aggiungere due tappe: in lizza Assen, Aragon, Brno e Silverstone. Vedremo cosa succederà, e quando partirà la MotoE.

L’incendio di Jerez
(Foto: GPOne)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *