Sophia Floersch

Qualche mese fa vi avevamo parlato della svolta del campionato F3: la vecchia F3 europea e la GP3 si erano fuse per dare vita al Mondiale F3, nel quale sostanzialmente sono confluiti i maggiori team e i maggiori talenti, eccezion fatta per alcune scuderie che avevano puntato su una neonata serie motoristica. O meglio, sulla vecchia F3 europea, rinata col nome di Formula European Masters.

A questo campionato, affiliato com’era consueto per la serie che l’aveva preceduto al DTM, avrebbe dovuto partecipare tra gli altri anche Sophia Floersch, che recentemente aveva svolto i primi test in pista dopo il pieno recupero seguito all’incidente di Macao e si stava preparando ai test pre-season di Misano Adriatico. Ma non ci sarà nessun campionato al quale partecipare: a poche settimane dal via ufficiale della stagione della Formula European Masters, previsto per inizio maggio, gli organizzatori hanno deciso di cancellare la serie. Il motivo? Gli scarsi piloti iscritti, visto che alla vigilia dei test previsti per lunedì e martedì avevano confermato la propria partecipazione soltanto tre team per un totale di sei piloti: nella fattispecie, oltre al team Van Amersfoort Racing di Sophia Floersch, si erano iscritti solo Fortec Motorsport e Motopark, struttura affiliata allo junior programme di Red Bull.

Niente campionato dunque, e la Formula European Masters paga la presenza di tante e troppe serie concorrenti con vetture F3, e le scelte di alcuni team. Se infatti le scuderie principali hanno optato per redistribuire i propri piloti tra F2 e il nuovo Mondiale F3, altri piloti si sono invece trasferiti altrove: alcuni si sono iscritti in Euroformula Open, serie che sta riconquistando punti, altri invece hanno optato per la SuperFormula giapponese, che tra l’altro garantisce parecchi punti per la licenza necessaria per correre in F1. Tra questi, Dan Ticktum e Harrison Newey, figlio di Adrian, a dimostrazione che Red Bull (che mandò qui a correre Gasly nel 2017) crede molto in questa serie motoristica. Ma dove si andranno a collocare ora i team che si erano iscritti alla Formula European Masters, e dunque si ritrovano in mezzo a una strada? I posti in F2 e F3 sono ormai ”chiusi”, e così Motopark e Fortec hanno optato per la Euroformula Open: una categoria molto giovane, nella quale tra gli altri gareggia Jack Doohan, classe 2003 e figlio di Mick.

E van Amersfoort Racing? Al momento non ci sono idee ufficiali circa il team con base in Olanda: potrebbe correre in Euroformula Open, ma anche in Formula Regional e Formula Renault. Insomma, regna il totale buio intorno al futuro di Sophia Floersch e del suo team, e la giovane tedesca ha mostrato tutto il suo rammarico sui social network per la sparizione della vecchia F3 europea (che ha lanciato tra gli altri Verstappen e Leclerc), il campionato in cui avrebbe dovuto correre quest’anno…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *