Dopo tre settimane di pausa, il Mondiale motocross riparte dalla Gran Bretagna e dalla storica gara di Matterley Basin, che quest’anno viene anticipata rispetto alla data consueta e disputata a fine marzo: sarà una gara particolare, visto che mancheranno entrambi i campioni del mondo in carica. Jeffrey Herlings prosegue nella sua convalescenza, che lo vedrà rientrare solo a fine aprile dopo l’infortunio al piede (out anche Febvre), mentre Jorge Prado sarà out per un infortunio alla spalla riportato in allenamento: lo spagnolo è caduto due settimane fa, ma rimarrà a riposo per un ematoma sotto la scapola sinistra che va monitorato. Rientro previsto settimana prossima a Valkenswaard, e dunque la tabella rossa cambierà padrone: i favoriti sono Antonio Cairoli e Thomas Kjer Olsen, e vediamo come si sono comportati nelle manches di qualifica odierne.

MXGP: GAJSER APPROFITTA DEGLI ERRORI DI CAIROLI– La manche di qualifica della MXGP parte con qualche difficoltà per Clement Desalle, che resta intruppato in partenza e finisce col veleggiare a centro gruppo. Ottima partenza invece per Antonio Cairoli, che prende subito la testa della gara e sembra in grado di vincerla, salvo poi scivolare due volte nella fase finale della manche di qualifica odierna, l’ultima proprio nel giro conclusivo. La vittoria del sabato va così a Tim Gajser, che conferma di essere tornato ad alto livello dopo una stagione tribolata: lo sloveno precede di 8” TC222 e di 19”2 un confermato Jeremy van Horebeek, che corre su una Honda non ufficiale e ha ritrovato l’entusiasmo di un tempo. Quarto Paulin, che precede Seewer, Tonus, Anstie, Lieber, Tixier e Alessandro Lupino, 10° a 53”5: 13° Clement Desalle, mentre chiudono 17° e 24° Ivo Monticelli e Samuele Bernardini. Ci attendiamo un gran duello tra Gajser e Cairoli: gara-1 sarà alle 14.15, gara-2 alle 17.10.

MX2: SUCCESSO PER OLSEN, 12° CERVELLIN– Vista l’assenza di Jorge Prado, tutti gli occhi erano puntati su Thomas Kjer Olsen, che non delude le attese. Il danese, principale candidato per la conquista della tabella rossa domani, vince autorevolmente la manche di qualifica di Matterley Basin con la sua Husqvarna: precede di 6” Henry Jacobi (Kawasaki) e di 7”1 il padrone di casa Ben Watson (Yamaha). Questi tre hanno fatto il vuoto, visto che Mitchell Evans (Honda 114 Motorsports) è quarto a oltre 23”: precede Mewse, Vialle, Geerts, Pootjes, Vlaanderen e Renaux. 12° e miglior italiano Michele Cervellin con la sua Yamaha clienti: completano il quadro degli italiani Furbetta 27° e Lesiardo 30°. Olsen sembra destinato a vincere domani: gara-1 alle 13.15, gara-2 alle 17.10.

EMX250: FORATO VINCE GARA-1 E INAUGURA IL CAMPIONATO– La prima vittoria nell’Europeo Motocross è tutta italiana: Alberto Forato conquista un grande successo sull’Husqvarna del Team Maddii, e in un campionato che raccoglie giovani speranze ed ex MX2. Precede di 7”8 Ruben Fernandez e di 13”4 Stephane Rubini: seguono gli altri francesi Clochet e Goupillon, mentre per trovare un altro italiano dobbiamo arrivare a Lapucci 16°. 28° e alle soglie del doppiaggio Gianluca Facchetti: la crescita dell’ex campione Junior MX sembra aver subito un deciso stop. La neonata EMX2t va invece al britannico Brad Anderson: domani gara-2 di questa categoria alle 9.45, mentre alle 11.30 gareggerà l’EMX250.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *