Jacques Villeneuve

L’avvio di stagione di Ferrari è stato uno dei più deludenti nell’era power-unit. La Rossa non ha vinto nessuna gara, e ha come miglior risultato il terzo posto ottenuto da Leclerc in Bahrain e da Vettel in Azerbaijan: a Sakhir il monegasco poteva vincere, salvo poi venire frenato dai problemi alla power unit, mentre nelle altre gare Ferrari ha scelto di ”sacrificarlo” con qualche ordine di scuderia di troppo, e a Baku hanno pesato l’errore in qualifica e una strategia sbagliata.

Sta di fatto che Ferrari fatica, sia nella velocità in pista (macchina fragile e inferiore a Mercedes), che nella gestione dei piloti. La Rossa non sta gestendo nel migliore dei modi il dualismo tra il rampante Charles Leclerc e un Sebastian Vettel in difficoltà, e le critiche a Mattia Binotto sono costanti e crescenti. Tra le voci critiche sulla Ferrari, c’è anche quella autorevole di Jacques Villeneuve, campione del mondo nel 1997 con Williams e attuale voce tecnica su Sky Sport: ”Leclerc è veloce e pronto, ma forse Ferrari non è pronta per lui e per la situazione che si è creata dal momento del suo arrivo”.

Il figlio di Gilles, indimenticato idolo della Rossa, attacca così a Motorsport.com, con una frase ad effetto che poi viene spiegata nelle battute seguenti: ”Guardando dalla prospettiva di Charles, è davvero fantastico per lui essere arrivato in Ferrari così giovane ed essere così veloce: vive un sogno. Però bisogna anche pensare a Ferrari, che deve tenere conto del passato di Vettel, che quand’era in Red Bull soffrì l’arrivo di Daniel Ricciardo. Sebastian ha bisogno di essere il fulcro del team e di essere amato dai fan: tutto questo, in questo avvio di stagione, non c’è più”. Villeneuve non nasconde dunque la sua idea, ovvero che Ferrari avrebbe dovuto dare un altro anno a Raikkonen al fianco del tedesco, per inseguire il titolo con minor pressione: una ricetta seguita da Mercedes, che con due ”violini” collaudati ha vinto quattro gare ed effettuato due doppiette.

”Ferrari aveva già sotto contratto Charles Leclerc, avrebbe potuto trovargli un altro team per il 2020, tenendo un’altra stagione Raikkonen per dare l’assalto al titolo. E poi promuovere Charles nel 2021, senza anticipare i tempi e sbilanciare gli equilibri del team. Non dico che Leclerc non sia forte, perchè è fantastico, veloce e merita di stare in Ferrari, ma non è lui il problema. Il problema è Ferrari, che non sta gestendo al meglio lui e Vettel: Sebastian ha bisogno di sentire amore attorno a lui, l’arrivo di Leclerc non è stata la mossa giusta. Guardate cos’hanno fatto in Mercedes e come stanno andando forte quest’anno. Se avessero messo Ocon al posto di Bottas, Hamilton avrebbe reagito allo stesso modo, cercando di mangiarlo vivo e distruggerlo. Con Bottas invece c’è rispetto, e Lewis Hamilton non sembra essere sconvolto dal fatto che ha vinto due gare: cosa che invece era successa con Rosberg ad esempio”.

Una posizione ”tagliente”, come tutte quelle esternate da Jacques Villeneuve: i tifosi Ferrari la penseranno allo stesso modo?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *