Ferrari

Ferrari ha decisamente faticato in questo avvio di stagione, non riuscendo neanche a conquistare una vittoria e assistendo allo strapotere di Mercedes, che ha concluso le prime quattro gare con altrettante doppiette (record): per la Rossa, i migliori risultati sono il terzo posto di Leclerc in Bahrain dopo i problemi alla power unit, e il terzo posto di Vettel a Baku. Troppo poco per una scuderia che vuole e deve puntare al Mondiale, dopo anni di ”magra” (ultimo titolo con Raikkonen nel 2007), e allora la Rossa inizia a provare a smuovere le acque nell’attuale campionato.

Se infatti a Baku erano state portate delle nuove soluzioni aerodinamiche e a Montecarlo dovrebbe arrivare un’ala posteriore completamente nuova per aumentare il carico e ”ribilanciare” la vettura (nonostante i dubbi esternati da Rosberg a riguardo), a Barcellona invece arriveranno importanti novità riguardo alla power unit, che già aveva visto il ritorno alla vecchia centralina dopo i problemi avuti in Bahrain. Nella fattispecie, Ferrari porterà il primo upgrade del suo motore, anticipando decisamente i tempi per provare a ridurre il gap dalla Mercedes: nuova PU e nuovo olio Shell, dopo le polemiche sollevate dagli altri team e dopo qualche perplessità suscitata anche a Maranello.

Lo conferma il team principal Mattia Binotto: ”In Spagna porteremo una nuova power unit, che nelle nostre idee iniziali sarebbe stata introdotta in Canada. Per questa nuova power unit Shell ha sviluppato un olio diverso, che ci garantirà migliori prestazion. Riusciremo a portare tutto questo solo grazie al grande lavoro di squadra e alla nostra voglia di recuperare terreno. In Spagna tanti team portano nuovi sviluppi, quindi noi dovremmo migliorare, ma lo faranno anche gli altri. Siamo in ritardo e dobbiamo recuperare, contiamo di farlo grazie allo sviluppo: dopo aver provato un nuovo pacchetto aerodinamico a Baku, contiamo di avere altre novità in tal senso a Barcellona”.

Basteranno tutte queste novità ad accorciare il gap tra Ferrari e Mercedes, oppure si riveleranno controproducenti per una Rossa che vive già su un equilibrio precario, con una monoposto che era sembrata superba nei test di Barcellona e si è rivelata invece decisamente inferiore alla sua maggiore concorrente?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *