Per una volta, la Formula E si scopre meno spettacolare del solito. Colpa di Lucas Di Grassi, che, quando trova le condizioni ideali, è semplicemente inavvicinabile per tutti. Il brasiliano di Audi, campione del mondo nella stagione 2016/17, manca l’appuntamento con la Superpole, ma non si fa pregare quando la gara entra nel vivo. Sorpasso vincente e poi via verso il traguardo grazie ad un ritmo insostenibile per tutti gli altri. Così la lotta per il podio diventa il vero tema appassionante della gara. La spunta Sebastien Buemi su Nissan, secondo davanti a Jean-Eric Vergne, autore di una rimonta appassionante dalle retrovie che per poco non gli permetteva di agguantare anche la piazza d’onore. Casualmente, i vincitori degli ultimi tre campionati monopolizzano il podio tedesco.

FUGA

E verosimilmente saranno anche due di loro, Di Grassi e Vergne a giocarsi il titolo iridato. Dopo i tanti alti e bassi, la classifica inizia a delinearsi ed i campioni di Audi e Techeetah stanno prendendo il largo. Comanda il francese con 102 punti contro il 96 del brasiliano. Si allontana André Lotterer, oggi ritiratosi nelle prime fasi di gara insieme ad André Lynn. Paga anche Antonio Felix Da Costa: il pilota di Bmw, dopo un avvio promettente, sembra aver smarrito il tocco magico. Il quarto posto odierno complica i suoi piani. In ripresa Stoffel Vandoorne, oggi quinto, precedendo Daniel Abt, vincitore un anno fa. Solo undicesimo Edoardo Mortara.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *